Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura e Spettacolo

Due nuovi Musei alla Castiglia di Saluzzo

Dedicati alla “Civiltà Cavalleresca” e alla “Memoria Carceraria”

15 Febbraio
14:10 2014

A Saluzzo, il 22 febbraio, alle ore 16, saranno inaugurati due nuovi Musei, allestiti nella Castiglia, castello utilizzato come dimora signorile all’epoca dei Marchesi, dal XII al XVI secolo, e come carcere dal 1825 fino al 1992, momenti che sono appunto ripresi dai due Musei, intitolati alla “Civiltà Cavalleresca” e alla “Memoria Carceraria”. 

Le due realizzazioni intendono far compiere ai visitatori un “viaggio nel tempo”, riportandoli nelle due epoche: per coinvolgerli emotivamente sono state largamente impiegate tecnologie moderne,

che rendono avvincenti e interattivi gli allestimenti scenografici.

Nel “Museo della Civiltà Cavalleresca” le proiezioni su grande formato, i video su monitor lcd, le postazioni touch screen interattive e un’istallazione multimediale interattiva (biblioteca virtuale), risultano di particolare suggestione, anche grazie agli effetti scenici, ottenuti grazie a soluzioni innovative, come ad esempio gli affreschi murali, creati digitalmente, i pavimenti decorati con immagini sotto resina, calpestabili e durevoli nel tempo, le ricostruzioni tridimensionali di soffitti a cassettoni decorati, l’illuminazione che evoca le candele accese...

Il “Museo della Memoria Carceraria” è vivacizzato con proiezioni, ologrammi, video su monitor lcd, un manichino parlante, postazioni touch screen interattive e postazioni interattive (foto segnaletica).

Responsabile scientifico dell’allestimento del “Museo della Memoria Carceraria” è il professor Claudio Sarzotti, ordinario di Sociologia del Diritto nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino.


Domenica 23 febbraio 2014 visite gratuite solo su prenotazioni al n. 0175.46710 (Ufficio Turistico IAT) o via mail all'indirizzo iat(at)comune.saluzzo.cn.it fino a esaurimento dei posti disponibili.

Tuttavia, qualora le richieste per domenica 23 febbraio superassero i posti disponibili, le visite gratuite - sempre ed esclusivamente su prenotazione - proseguiranno in una o più successive domeniche di marzo.

I due Musei saranno regolarmente aperti a partire dal 6 aprile 2014 tutte le domeniche ed i festivi.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo