Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Elezioni

PRESENTAZIONE DELL’ING. GIOVANNI MARIA FERRARIS

CANDIDATO ALLE ELEZIONI POLITICHE REGIONE PIEMONTE 2014

8 Aprile
13:00 2014

L’ing. Ferraris è nato a Torino 46 anni fa. Allievo del Collegio San Giuseppe e dell’Istituto Rosmini, dopo gli studi classici, ha conseguito la laurea in ingegneria chimica al Politecnico di Torino.

Assolto il servizio militare quale carabiniere ausiliario presso il Tribunale Militare della Regione Nord Ovest, si è dedicato alla libera professione in materia ambientale, di risparmio energetico e di sicurezza sul lavoro.


Sin da ragazzo ha rivolto l’attenzione al volontariato e all’associazionismo, esperienze che hanno accresciuto la sua sensibilità verso il bene comune, maturata nell’impegno in politica.

Nel 1990 è stato eletto nel Consiglio della Circoscrizione 8, Coordinatore della Commissione Urbanistica nel 1997 e Vice Presidente nel 2001.


Eletto successivamente nel Consiglio Comunale di Torino nel 2006 ha ricoperto il ruolo di Capogruppo e nel 2010 quello di Assessore ai Servizi Civici, Cooperazione e Relazioni internazionali. Rieletto nel 2011, ricopre attualmente la carica di Presidente del Consiglio Comunale di Torino.


Tra le molteplici attività di cui si è occupato, assume particolare rilevanza, la stipulazione, attraverso il Sistema Torino Facile, con gli ordini professionali dei notai, avvocati e commercialisti, relativa alle certificazioni on line per i loro clienti, riducendo i costi per i professionisti, ottimizzando i tempi operativi e riducendo significativamente le code presso gli sportelli.


I suo impegno per queste elezioni riguarda diversi settori:

una sanità attenta ai bisogni reali della società e accessibile a tutti;

La riduzione della spesa pubblica e il rilancio dell’economia, riconoscendo e valorizzando le risorse umane;

il sostegno alle imprese e la promozione dell’occupazione e del lavoro per i giovani e meno giovani;

l’incentivazione della ripresa edilizia, ponendo attenzione al consumo del suolo, allo sviluppo del territorio e ai processi strategici in materia urbanistica e interpretando il rapporto pubblico – privato come strumento di sviluppo;

l’investimento in infrastrutture, trasporti e collegamenti per una mobilità che rispetti il nostro tempo;

creare una “Regione amica “  che sappia garantire trasparenza e certezze agli Enti Locali e ai cittadini;

puntare sulla cultura e su un turismo che recuperi e valorizzi le nostre eccellenze, il patrimonio storico, artistico, religioso ed insieme sportivo ed enogastronomico;

avere una scuola che non lasci indietro nessuno.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo