Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Elettronica

Recensione iPhone 6: Il peggior iPhone di sempre?

Dopo la disastrosa conferenza Apple abbiamo cercato di mettere da parte i forti pregiudizi, ma il risultato è stato nuovamente disastroso. Scoprite il perché...

29 Settembre
17:00 2014

La presentazione del nuovo iPhone aveva distrutto quelle poche speranze costruite dal buon lavoro fatto con il 5S (presente nella top 5 dello scorso anno). Ma nonostante questo abbiamo cercato di mettere da parte il fortissimo scetticismo e di testare il prodotto senza pregiudizi. Il risultato è stato purtroppo nuovamente disastroso. Ma fino a che punto? Scopritelo nella recensione.

 

Contenuto della scatola

 

Apple continua a mantenere una confezione povera, che però da due generazioni è arricchita da delle ottime cuffie in-ear. La sufficienza viene regalata soltanto per questo motivo.

 

Voto: 6.5

 

 

Costruzione ed ergonomia

 

Uno dei punti saldi di Apple questa volta a ceduto. L’aumento esponenziale del display ha distrutto le linee piacevoli che da sempre hanno reso l’iPhone uno degli smartphone più belli. Nonostante la diagonale sia da 4.7 pollici, l’iPhone 6 è grande quanto un Nokia Lumia 930 che è un 5 pollici e addirittura maggiore di LG G2 che ha un display da 5.2 pollici. E per quale motivo? Non ci è dato saperlo. Non ha le casse frontali come l’HTC One e non ha l’impermeabilità come la gamma Z di Sony o il Galaxy S5, ma ha comunque dei bordi spropositati. Data questa grandezza uno si aspetterebbe almeno una linea simile a quella dei precedenti iPhone oppure un retro bombato, per garantire una buona presa. Anche in questo caso Apple delude tutti: l’estetica torna quella arrotondata (a saponetta) di 5 anni fa, che ricorda tanto i prodotti Samsung di fascia bassa; mentre il retro è ancora più sottile e senza la minima bombatura. Il risultato è un prodotto che può scivolare facilmente dalle mani e con una presa certamente non confortevole. Infine, non possiamo tralasciare i problemi derivati dall’ottica sporgente della fotocamera: infatti, quando lo smartphone sarà su una superficie piana, diventerà fastidioso utilizzarlo per via del dislivello tra i due lati della scocca. La scocca in alluminio riesce a salvare la sufficienza.

 

Voto: 6

 

 

Processore e connessioni

 

Come sempre Apple ci regala il processore più potente ma allo stesso tempo il più mal sfruttato rispetto alla concorrenza. Il nuovo A8 continua il percorso intrapreso dall’A7 con la scelta del 64 bit. Le prestazioni non si discutono, ma il passaggio dal buon iOS 7 ad iOS 8 è sicuramente ininfluente per lo sfruttamento di tutta questa potenza. La gestione del multitasking è ancora irrisoria rispetto alla concorrenza, vuoi per il sistema operativo, vuoi per la RAM che rimane ancora da 1 GB. Sul fronte connessioni finalmente Apple raggiunge la concorrenza, ma allo stesso tempo imprigiona tutte le implementazioni, rendendole di fatto inutili. L’NFC sarà utilizzabile soltanto per i pagamenti con Apple Pay. Inoltre continuano a latitare le possibilità di collegamento alle TV o ad altri dispositivi, così come la possibilità di utilizzare l’MHL per connettere hard disk e chiavette USB all’iPhone. Soltanto i giochi sfruttano adeguatamente la potenza di questo nuovo processore.  

 

Voto processore: 9

 

Voto connessioni: 5

 

Voto sfruttamento processore: 4

 

 

Display

 

Con 3 anni di ritardo Apple passa all’HD! Ammettiamo che la differenza tra HD e Full HD sia minima su uno smartphone da 4.7 pollici, quindi non ci soffermeremo su questo punto. Il display del nuovo iPhone non sorprende, ma conferma la buona qualità dei precedenti. Buona qualità che però non si tramuta in eccellenza. I bianchi rimangono ottimi, mentre i neri sono ancora sottotono, anche rispetto ad altri display con la stessa tecnologia (vedi il Sony Xperia Z2 o Z3). I colori risultano sempre molto accesi, non riuscendo a garantire la naturalezza necessaria.

 

Voto: 9.25

 

 

Sistema operativo

 

Più passano le generazioni, più parlare di iOS diventa imbarazzante. Il sistema operativo di casa Apple, dopo essersi allineato alla concorrenza durante la scorsa generazione è ritornato indietro. Avere un 4.7 pollici su iPhone 6 doveva significare più spazio per le icone, ma iOS 8 permette di inserire soltanto 4 icone per riga. L’unica personalizzazione disponibile riguarda lo zoom delle icone (piccole o grandi). Molte app risultano ancora poco ottimizzate per il nuovo sistema operativo (vedi Whatsapp) con risultati disastrosi sull’esperienza dell’utente (soprattutto nel modello Plus). Ad oggi iOS rappresenta il peggior esempio di sistema operativo sul mercato. Addirittura Windows Phone, arrivato fortemente in ritardo rispetto ad iOS è riuscito a superarlo. I piccoli segnali di ripresa arrivati su iOS 7 sono stati totalmente cancellati.

 

Voto: 4

 

 

Fotocamera

 

L’ottimo lavoro cominciato con il precedente iPhone, continua in questo nuova generazione. La fotocamera rimane da 8 MP migliorando tutte le altre prestazioni. Gli scatti in condizioni difficili risultano molto validi, grazie all’apertura focale più ampia. I video ora si possono girare a 60 FPS. Unici nei, la mancanza dello stabilizzatore ottico e il software scarno offerto da iOS 8. La fotocamera interna invece è ancora insufficiente rispetto alle offerte della concorrenza (solo 1.3 MP).

 

Voto: 9

 

 

Internet e multimedia

 

Il browser mobile Safari, dopo il definitivo passaggio ad HTML5 dei siti web, risulta ufficialmente il terzo browser per smartphone più efficiente (soltanto dietro a quello del One M8 e ad Internet Explorer su WP). Le pagine più complesse scorrono senza problemi e il multitasking, nonostante la RAM esigua, funziona adeguatamente. La parte multimediale vede Apple fortemente indietro rispetto alla concorrenza. La mancanza di un USB Host e di un player in grado di leggere qualsiasi tipo di file, rende lo smartphone molto limitato.

 

Voto internet: 9.5

 

Voto multimedia: 5

 

 

Audio e parte telefonica

 

L’iPhone 6, come i predecessori ha un’ottima qualità audio sia in cuffia che in cassa, oltre che una buona antenna per il segnale telefonico. Certo, in entrambi i campi non raggiunge l’eccellenza (One M8 e One Plus One vincono sull’audio, mentre Lumia 930 sul segnale telefonico), però rimane subito dietro i prodotto più efficienti della categoria.

 

Voto: 9.5

 

 

Autonomia

 

Come si poteva intuire dalla scheda tecnica, questo nuovo iPhone non raggiunge l’eccellenza né tantomeno la media sul fronte autonomia. Rispetto ad iPhone 5S si guadagna un’irrisoria mezz’ora di autonomia, che comunque, con un uso medio-intensivo, non ci permetterà di arrivare a sera.

 

Voto: 6

 

 

Giudizio complessivo

 

Si poteva fare peggio di iPhone 4S? A quanto pare sì. Apple non smette mai di sorprenderci, ma in negativo. iPhone 5S, tralasciando la batteria e il sistema operativo, era un ottimo smartphone. Ad Apple bastava aumentare l’autonomia e aggiornare fortemente il sistema operativo, per creare uno smartphone in grado di confrontarsi con la concorrenza. Invece l’azienda di Cupertino, non solo non è riuscita a migliorare le lacune del 5S, ma ne ha addirittura create delle altre. L’estetica e l’ergonomia dell’iPhone, da sempre uno dei punti cardine di Apple, in questa sesta generazione sono state dimenticate. E non basta un leggero aumento dell’autonomia per giustificare una nuova generazione. Se la grande massa capirà i limiti di questo iPhone rispetto alla concorrenza, per Apple cominceranno dei tempi bui.


Voto complessivo: 7

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo