Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Il Turismo porta nuova vita ai piccoli centri.

Tecnologia e antichi sapere per “produrre all’ombra dei campanili cose che piacciono al mondo”

19 Aprile
08:00 2017

Il Centro studi turistici di Firenze ha stimato che nel turismo dei piccoli centri quasi il 50% della quota di mercato è rappresentato dai turisti stranieri alla ricerca di un’esperienza autenticamente italiana. Pertanto, dato l’aumento dell’interesse commerciale verso i piccoli borghi, il Ministero dei Beni Culturali sta realizzando un atlante digitale dei suddetti.

L’apparato informatico dovrebbe inoltre riportare informazioni in merito alle infrastrutture: cammini, ciclovie, servizi d’accoglienza e altri.

Sembra chiaro che il turismo possa essere “l’assicurazione sulla vita” per tutti quei piccoli centri e quei borghi montani sprovvisti di apparato industriale decisi a non essere ridotti a meri dormitori.

Per evitare tale deriva, lo si intuisce tra le righe del lavoro del Mibact, è necessario lavorare sull’incentivare i servizi che il territorio offre. In questo senso occorre un lavorio atto a ridurre il cuneo dei disagi tra chi abita in un comune sotto i 10 mila abitanti e chi in una grande città.

Tale prospettiva, a nostro avviso, va necessariamente affrontata; soprattutto laddove c’è il forte rischio di una spopolamento - si pensi alla montagna - e la conseguente perdita di una cultura e di un’atmosfera che, come riportano i dati fiorentini, è premiante.

Il pensiero che sottostà all’Anno dei Borghi e su cui concorsa l’Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti montani con il suo Presidente Lido Riba: “Il recupero è un antidoto al consumo di nuovo territorio, ma anche all’abbandono. Non siamo abbandonologi e non guardiamo ai ruderi con contemplazione”.

Evitare l’abbandono, favorire il recupero, coniugando insieme il locale e il globale, la tradizione con la tecnologia: una sfida, sintetizzata dallo storico Carlo Cipolla con la frase “produrre all’ombra dei campanili cose che piacciono al mondo”.

Luca V. Calcagno

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus