Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Terza Pagina

La versione più giovane della " Monna Lisa " di Leonardo da Vinci

Opinioni contrastanti su una Monna Lisa un po' diversa dall' originale custodito al Louvre di Parigi

La Gioconda di Leonardo da Vinci ( al Louvre)
5 Maggio
10:00 2017

L' Isleworth Monna Lisa è un dipinto che ritrarrebbe lo stesso soggetto della Gioconda di Leonardo da Vinci. Alcuni esperti d' arte sostengono che questo dipinto fa parte di un lavoro originale di Leonardo, risalente agli inizi del 16 ° secolo.


" Monna Lisa " Isleworth

 

Poco prima della prima guerra mondiale, il collezionista d'arte inglese Hugh Blaker scoprì il dipinto in casa del nobile Somerset. Questa scoperta ha portato alla congettura che Leonardo dipinse due ritratti di Lisa Gherardini: il più famoso ora al Louvre di Parigi, e quello scoperto da Blaker, che comprò il dipinto e lo portò al suo studio di Isleworth a Londra, da cui prende il nome .


Secondo il primo biografo di Leonardo Giorgio Vasari, Leonardo aveva iniziato a dipingere Monna Lisa nel 1503, ma essa fu "lasciata incompiuta". Tuttavia, un dipinto completamente finito di una "certa signora fiorentina" è emerso ancora una volta nel 1517, poco prima della morte di Leonardo e in suo possesso privato. Quest'ultimo dipinto quasi certamente è quello che pende ora al Louvre, e non fu mai posseduto da Francesco del Giocondo, da cui “ La Gioconda” prende il nome. Monna Lisa sarebbe infatti – secondo Vasari - Lisa Gherardini del Giocondo, la moglie di Francesco. Il fatto che il dipinto non fu mai consegnato al presunto committente Francesco del Giocondo suggerisce che in realtà la donna fu invece una modella di nobile casato, ma non la moglie ( come sostenne Vasari parecchi anni dopo ), dipinto che da Vinci volle tenere per sé fin dall' inizio.


Giovanni Paolo Lomazzo, un artista e scrittore italiano, si riferisce nel suo Trattato dell'arte della Pittura Scultura ed Architettura (1584), a " della Gioconda, e di Monna Lisa", distinguendo le due. Questa seconda Gioconda è talvolta usato come un titolo alternativo della Gioconda appeso al Louvre; il riferimento implica che questi sono stati, infatti, due dipinti separati di qualche anno.


L'Isleworth Monna Lisa è qui ritratta in un dipinto più largo della Gioconda al Louvre, avendo colonne su entrambi i lati che compaiono anche in alcune altre versioni.

Il volto della Isleworth Monna Lisa appare più giovane della donna nota come “ Monna Lisa” del Louvre: ciò porta alla speculazione che si tratta di una versione precedente dall'artista. Secondo il famoso editore e magnate Henry F. Pulitzer che scrisse un libro sul famoso ritratto, più esperti d'arte hanno convenuto che il collo del Isleworth Mona Lisa è più ridotto rispetto ai colli di altri soggetti di Leonardo. Inoltre, lo sfondo del dipinto Isleworth è notevolmente meno dettagliato rispetto allo sfondo del dipinto del Louvre. Per queste ragioni, diversi critici d' arte consultati da Pulitzer hanno sostenuto che le mani e il viso del ritratto sono stati fatti da Leonardo, ma il resto potrebbe essere stato finito da un altro o altri. Tuttavia, Pulitzer viene ritenuto non credibile dai più perchè in conflitto di interessi.



Pulitzer sostiene in un suo libro che il contemporaneo di Leonardo Raffaello Sanzio fece uno schizzo di questo dipinto, probabilmente a memoria, dopo averlo visto nello studio di Leonardo nel 1504 (il disegno è riprodotto nel libro Pulitzer, dove si dice che questo schizzo è al Louvre). 

Lo schizzo Raphael comprende le due colonne greche che non si trovano nella Monna Lisa del Louvre, ma si trovano nel dipinto acquistato da Blaker. Pulitzer presenta alcune pagine di testimonianze di esperti d'arte nel suo libro, dove alcuni di questi sembrano credere che Leonardo fu il pittore, mentre altri hanno ritenuto che l'artista era qualcuno che ha lavorato nello studio di Leonardo, e altri ancora hanno suggerito che altri artisti possono averlo fatto. I sostenitori della autenticità dell'  Isleworth Monna Lisa includono il collezionista d'arte John Eyre, che ha sostenuto che il busto, il viso e le mani sono di Leonardo.

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus