Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Certificare le tipicità per dare un ruolo globale alle nostre Mille Patrie

L’indispensabile capacità di valorizzare i prodotti tipici locali

31 Luglio
08:00 2017

Certificare l’origine e la qualità di una produzione tipica – e delle tipicità in genere – è un’azione/un processo di cui non si manca di sottolineare la strategicità per affermare un ruolo del nostro Paese nel contesto globale.

La questione è tornata al centro del dibattito in questi giorni in cui si sta affrontato la ratifica del Trattato Ceta tra Ue e Canada.

Le “mille patrie” che compongono l’Italia hanno ciascuna dei prodotti e delle produzioni tipici, oltre che delle tipicità immateriali, che vanno una comporre un patrimonio di biodiversità culturali che sono davvero un unico a livello planetario.

Sappiamo adeguatamente difenderlo? Riusciamo, in particolare riesce la classe dirigente nel suo complesso, a farne un innesco di processi di sviluppo?

Le Italie profonde, in particolare quei territori rurali o parzialmente tali che potrebbero essere una vera attrattiva per alcuni target di turismo, si interrogano adeguatamente e adeguatamente agiscono per dare una riconoscibilità a ciò che li contraddistingue?

Sul piano teorico la consapevolezza ormai ampia, valga per tutti il passaggio di un’opera collettanea sullo sviluppo locale che di seguito citiamo. “La capacità di valorizzare i prodotti tipici locali rappresenta un elemento decisivo per lo sviluppo endogeno dei sistemi territoriali, in considerazione delle importanti ricadute economiche, sociali e turistiche che esso può produrre. Attraverso la valorizzazione delle tipicità, infatti, la funzione meramente produttiva delle attività agricole viene integrata da nuove e diverse funzioni, tra cui la tutela dell’ambiente e del territorio, la conservazione della cultura e delle tradizioni rurali, creando spazi e luoghi interessati da nuove dinamiche di tipo economico e sociale” (Belletti e Berti, 2011).

Troppo spesso, però, il tutto è condizionato da incrostazioni ideologiche o dall’essere mera rappresentazione di un intervento.

La sfida, invece, è grande. Parte, anche, di una dialettica tra l’omologazione e l’identità. La certificazione e la difesa della tipicità, però, non è affatto da contrapporre alla globalizzazione (almeno nei suoi aspetti positivi).

Seguendo il modello di Pine e Gilmore (1999) è possibile affermare che “le produzioni alimentari, da semplici commodities evolvono a offerte economiche di livello superiore, ovvero di servizi e di esperienze, accrescendo il valore percepito, il livello di personalizzazione e la disponibilità a pagare da parte dei consumatori”.

Certificare per offrirsi come esperienza di un’identità. Un compito su cui si può costruire una “larga intesa”?

Marco Margrita

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus