Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Nazionale

Quando Napolitano ascoltava il grido di dolore della “Primavera araba”.

Il totalitarismo è una tara incancellabile.

6 Agosto
10:00 2017

Nei giorni scorsi ci sono state autorevoli prese di posizioni sul ruolo dei Giorgio Napolitano nell’avallare i bombardamenti sulla Libia e la successiva eliminazione fisica del colonnello Gheddafi. Decisione che l'ex esponente comunista ha addossato a Berlusconi provocando la vibrata reazione di molti esponenti del centro destra. Oltre a Salvini, sulla stessa linea stanno intervenendo i ministri di allora, da Ignazio Larussa alla Difesa a Franco Frattini, titolare degli Esteri.

In questa materia ingarbugliata con l’implicazione non disinteressata dell’ONU, emerge il ruolo del’ex Capo dello Stato che ha esercitato i suoi poteri, oltre ai confini che la Costituzione gli riconosce.

Ma come andarono le cose? E davvero Napolitano non c'entrò nulla in quella operazione che già allora si profilava essere un autogoal per i nostro Paese? C'è chi, in tempi non sospetti, l'aveva detto, commentando proprio le parole di Napolitano che parafrasò proprio "le grida di dolore" di ottocentesca memoria.

E' la studiosa di storia del Risorgimento Angela Pellicciari, che allora commentava proprio questo endorsement dell'allora inquilino del Quirinale sulla Libia. Lo proponiamo  per gli smemorati di oggi.

“Hanno dell’incredibile gli accenti accorati con cui Napolitano ha rievocato le “grida di dolore” che si levavano verso i Savoia dall’Italia centro-meridionale. A detta di questa leggenda gli italiani “gemevano” invocando la liberazione che sicuramente sarebbe venuta dal nord sabaudo.

La liberazione è costata alla Sicilia reiterate dichiarazioni di stato di guerra e di legge marziale. Gli abitanti dell’Italia meridionale sono stati costretti all’emigrazione di massa dai governi liberatori che, invece della tanto sbandierata libertà, hanno portato corruzione, sopruso e miseria.

Ha dell’incredibile, ripeto, che un Presidente della Repubblica che ha alle spalle una decennale militanza nel partito comunista che quelle grida, con Gramsci, irrideva, e che non si è ribellato alla carneficina del popolo ungherese invaso dalla liberatrice armata sovietica, ha dell’incredibile, ripeto, che questo presidente, con questa tradizione alle spalle, si spenda tanto accoratamente per difendere le grida di dolore del popolo libico assediato a Bengasi.

Perché finalmente gli stati si armino e vadano alla guerra contro Gheddafi. Contro quel Gheddafi che tutti, assolutamente tutti i governi della repubblica di ogni colore, hanno rincorso pur di garantirsi vantaggiosi accordi commerciali.

Ricordiamo le parole pronunciate da Palmiro Togliatti nel corso del XVI congresso del PCUS: il migliore irrideva con disprezzo la propria ridicola e mandolinesca italianità per inneggiare alla gloriosa appartenenza all’universo sovietico staliniano.

Dovevamo aspettare un governo a guida dell’ex (mai rinnegato) comunista D’Alema per fare la guerra alla Serbia senza dichiarazione di guerra in obbedienza al dictat americano. Adesso ci risiamo. Ma chi ci garantisce dell’autenticità delle grida di dolore? L’esperienza dovrebbe insegnarci che più la retorica insiste sulla moralità di un’azione di guerra più la faccenda è dubbia.

In particolare: ci si rende conto di cosa questa guerra significhi per l’Italia? E se, l’ho già scritto, questi insorti non fossero affatto da compiangere e sostenere? E se dietro una vernice di presentabilità avanzasse quel terrorismo islamico che Gheddafi ha negli ultimi tempi combattuto con estrema determinazione?

A Bengasi, in particolare, reiterate sono state negli ultimi anni le azioni di guerra notturne di commandi islamici. Da noi poco se ne è saputo, ma questa è la dura e cruda realtà.

Quando è in gioco la vita di tante persone converrebbe usare davvero quella modestia e quella prudenza che pure Napolitano ha invocato. Converrebbe smetterla di far finta di niente per continuare a giocare alle anime belle”.

Angela Pellicciari

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus