Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Torino, in manette gli autori dell'aggressione al senatore Airola

Tre giorni fa il parlamentare pentastellato č stato vittima di un'aggressione in cui ha riportato la frattura della mandibola

8 Settembre
09:00 2017

Ha destato sdegno l'aggressione ai danni del senatore del Movimento Cinque Stelle Alberto Airola, avvenuta il quattro settembre in via Cremona nel quartiere Aurora, nelle immediate vicinanze dell'abitazione del politico.

In seguito al brutale pestaggio di cui è stato vittima, Airola ha riportato una doppia frattura della mandibola che lo ha costretto a sottoporsi ad un'intervento di chirurgia maxillo-facciale per tentare di ricomporre i danni del trauma.

Come lo stesso parlamentare ha raccontato subito dopo l'episodio, questo è stato il folle risultato di un'alterco avuto per strada con alcuni ragazzi in evidente stato di ebbrezza, avvenuto in Via Cremona, nel quartiere Aurora.

Le indagini delle forze dell'ordine hanno portato all'arresto dei due cittadini extracomunitari domenicani autori dell'aggressione, incastrati dai video registrati dalle telecamere di sicurezza di un ristorante della zona.

Nelle immagini visionate dalla Digos, che ha provveduto al fermo dei due cittadini della Repubblica Domenicana, si nota Airola avere un acceso alterco con alcune persone che, pochi istanti dopo, passano alle vie di fatto.

Uno dei due malviventi colpisce con un pugno il volto del senatore pentastellato, il quale finisce rovinosamente a terra per poi essere nuovamente percosso ed abbandonato sull'asfalto fino all'arrivo dei soccorsi.

La vicenda riporta alla luce la questione sicurezza nel quartiere Aurora, argomento che da tempo tiene banco tra i malumori dei residenti. Patrizia Alessi, consigliera della Circoscrizione 7, plaude alla notizia dell'arresto dei due aggressori di Airola, aggiungendo che il tasso di degrado nel quartiere è oramai insostenibile.

Come affermano gli abitanti della zona, "la situazione negli ultimi mesi è diventata insostenibile e purtroppo è incontrollata. In seguito a questi due arresti però, benchè sia un forte segnale di riportare le cose alla normalità, non si risolve la situazione. Speriamo che adesso la politica faccia qualcosa di concreto per riportare la tranquillità nel Borgo".

Quando accadono simili episodi, la condanna è unanime ed indiscutibile. Ma a questo punto dei quesiti sorgono spontanei: e se al posto di Airola, parlamentare, ci fosse stato un comune cittadino le indagini si sarebbero concluse in maniera altrettanto celere?

Possibile che nonostante l'incremento degli episodi di criminalità nel quartiere, con relative denuncie da parte degli abitanti ormai esasperati per tale situazione, la politica doveva essere scossa in prima persona per smettere di continuare a voltarsi dall'altra parte?

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus