Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Torino, arrivano in città i primi guardrail per tutelare i motociclisti in caso di incidente

L'installazione in Corso Chieri. Torino è la prima grande città ad introdurre queste barriere che sono in grado di ammortizzare gli urti fino ad una velocità di 60 km/h

10 Settembre
14:00 2017

La sicurezza stradale è un tema molto importante. Specialmente per i motociclisti, quasi sempre vittime della distrazione e dell'imprudenza al volante.Negli ultimi anni, però, per cercare di prevenire le vittime degli incididenti stradali su due ruote diverse città europee hanno installato su tratti stradali ed autostradali delle barriere "salva motociclisti".

Si tratta di pannelli di plastica al cui interno viene inserita dell'aria compressa, per permettere l'effetto air bag e proteggere così i centuari dal cosidetto effetto ghigliottina che è una delle cause più frequenti di mortalità in caso di incidenti motociclistici.

Le protezioni garantiscono una protezione in caso di urto fino ad una velocità di 60 km/h ma non possono garantire una protezione totale a velocità più sostenute.

Torino è una delle prime grandi città ad adottare questo nuovo tipo di guardrail, che sono stati installati nei pressi di Corso Chieri e inaugurati lo scorso venerdì dall'assessore comunale ai trasporti Maria Lapietra.

Con un costo che si è aggirato intorno ai tredicimila e seicento euro (suddiviso a metà da fondi raccolti da alcuni parlamentari M5S e il Comune), l'operazione ha l'obiettivo di focalizzare l'attenzione sulla costante e reale problematica legata alla sicurezza stradale.

Come spiega l'assessore Lapietra, "Corso Chieri è uno dei punti più critici per la sicurezza stradale della città. L'alta velocità è stata una delle cause principali di numerosi incidenti avvenuti negli ultimi dieci anni, di cui cinque mortali, le cui vittime sono state per la maggior parte centauri.

Il progetto è in fase di sperimentazione e abbiamo in progetto di allargarlo anche ad altre zone cittadine, in modo tale da rendere Torino una delle grandi città italiane all'avanguardia sulla sicurezza stradale, tema che ci sta particolarmente a cuore".


Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo