Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Torino, aghi sparati da auto in corsa. Cinque passanti in ospedale, nessun ferito grave

La vicenda è avvenuta lo scorso 25 settembre tra i quartieri San Donato e San Paolo

6 Ottobre
11:30 2017

Quanto avvenuto lo scorso 25 settembre tra i quartieri San Donato e San Paolo, più precisamente nelle zone tra Piazza Rivoli, via Nicola Fabrizi e corso Tassoni ha scosso non poco l'opinione pubblica cittadina e nazionale.

L'episodio è al contempo insolito quanto grave: verso le 20:30 un'auto, con a bordo alcune persone non ancora identificate, rallenta la sua corsa. Incrocia alcuni pedoni, sfila accanto al marciapiede e prende di mira i passanti, bersagliandoli dal finetrino con alcuni aghi sparati come proiettili.

Gli aghi in questione, molto sottili, si conficcano nella schiena, nelle gambe e sulle braccia di cinque ignari passanti, la cui unica colpa è quella di essersi trovati sulla strada di alcuni buontemponi dal perverso senso dell'umorismo.

Le vittime di questa nuova ed insensata follia metropolitana sono stati ricoverati all'ospedale. In un primo momento la paura era che gli aghi (più sottili di quelli impiegatiper le iniezioni epidurali) che hanno colpito i cinque malcapitati fossero in qualche modo infette, ma gli accertamenti hanno per fortuna escluso questa ipotesi.

Il blitz della "macchina dell'ago" è durato meno di un'ora, in una Torino blindata per il vertice del G7. Sono attualmente ignoti motivi ed autori del gesto, sulle cui tracce indagano gli inquirenti per cercare di scongiurare un fenomeno di emulazione che potrebbe avere risvolti decisamente più gravi di quelli della scorsa settimana.

Nel frattempo gli investigatori della Squadra Mobile di Torino stanno cercando di capire il tipo di arma utilizzato per sparare gli aghi. C'è chi dice una pistola ad aria compressa, chi una balestra di piccole dimensioni e chi invece suggerisce l'impiego di una cerbottana.

In attesa di ulteriori dettagli resta alto l'allarme sicurezza in città, che negli ultimi tempi pare essere sempre più in balia di malviventi e azioni di misteriosi sconsiderati che attentano alla quiete e alla sicurezza dei torinesi.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo