Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Locale

Torino - Alternanza scuola-lavoro: "Benvenuto sfruttamento"

Da quest’anno obbligatoria per tutti gli studenti delle superiori

11 Ottobre
16:00 2017

Ministri e Assessori ne tessono le lodi, tuttavia dagli organi di stampa si scoprono episodi preoccupanti, come quello del diciassettenne spezzino che si è fratturato una tibia mentre svolgeva le ore obbligatorie dell’alternanza guidando un muletto, un mezzo che richiede un patentino, in assenza del tutor aziendale che dovrebbe garantire la sicurezza del ragazzo.

Oppure quello dell’incontro “Campioni dell’alternanza” promosso dal MIUR lo scorso 18 ottobre, che ha avviato un’intesa fra il Ministero dell’Istruzione e 16 imprese italiane: grandi colossi come FCA, ENI e McDonald’s apriranno all’alternanza scuola-lavoro, per un totale di 27mila nuovi posti per gli studenti.

McDonald’s ha 20.000 dipendenti in Italia, ed è facile immaginare che l’ingresso di 10.000 studenti che lavorano gratis non servirà a trasmettere “l’illustre scienza dell'arte del Big Mac”, ma a sostituire almeno in parte chi oggi lavora dietro quei banconi.

O ancora, si viene a sapere che il MIUR ha recentemente firmato un accordo con le Camere di Commercio, affinché eroghino fondi pubblici alle imprese che attivano percorsi di alternanza scuola-lavoro per gli studenti del triennio conclusivo delle superiori: di fatto alcuni grandi imprenditori potranno così sostituire lavoratori con studenti che lavorano gratis e lo Stato, invece di multarli, li pagherà.

Da un’inchiesta condotta dall’Unione degli studenti è emerso che il 57% degli studenti in Italia frequenta percorsi di alternanza non inerenti al percorso di studi e il 40% degli studenti avrebbe visto violati i propri diritti sul luogo di lavoro. Uno su tre avrebbe addirittura pagato per partecipare al programma.

Un anno fa un monitoraggio, promosso da CGIL, FLC CGIL e Rete degli Studenti Medi e realizzato dalla Fondazione Di Vittorio, ha evidenziato che un ragazzo su quattro era fuori da percorsi di qualità, il 10% aveva partecipato solo ad attività propedeutiche, il 14% solo a esperienze di lavoro; nell’80% dei casi queste esperienze erano state svolte d’estate, quando l’attività didattica è sospesa.

Per questo ieri il Capogruppo di SEL Marco Grimaldi ha depositato un’interrogazione urgente, discussa oggi in aula, per chiedere alla Giunta che strumenti di controllo abbia disposto per evitare questi abusi e gli incidenti come quello verificatosi a La Spezia.

L’Assessora all’Istruzione e al Lavoro ha sottolineato che l’autonomia scolastica ha la responsabilità del controllo, attraverso i tutor, del corretto svolgimento delle esperienze di alternanza, nonché della formazione degli studenti in materia di salute e sicurezza del lavoro, dell’apertura per loro di una posizione Inail e della stipula di un’assicurazione a copertura degli infortuni.

Tuttavia il punto, per il Segretario di Sinistra Italiana Grimaldi, è che il Governo dovrebbe sospendere l’obbligo dell’alternanza scuola-lavoro e avviare un’inchiesta ministeriale sui percorsi attivati, la loro qualità e i loro esiti, in cui chiamare le scuole e gli studenti a prendere parola:

“Bisogna porsi delle domande di fondo: l’alternanza scuola-lavoro non rischia di essere un viatico per il lavoro gratuito e privo di tutele di schiere di ragazzini? Non produrrà forse dumping nei confronti di lavoratori o potenziali lavoratori salariati (in forma di mancati rinnovi dei contratti, abbassamento dei salari, maggiore ricattabilità)? Ha senso sottrarre tempo prezioso (probabilmente) all'ultima occasione di formazione culturale per i ragazzi e le ragazze (400 ore di alternanza sul triennio per tecnici e professionali?) Che fine farà l'istituto dell'apprendistato, unico strumento per la formazione ‘on the job’ che presenti garanzie e tutele per il lavoratore? Come si definiscono, nel sistema dell’alternanza, criteri e procedure di accreditamento delle capacità formative delle strutture ospitanti?”.

Grimaldi conclude asserendo:

“Ma per noi il problema è ancora più grave; l'OCSE ci ricorda che tre italiani su quattro hanno problemi a svolgere semplici operazioni aritmetiche e a comprendere un testo scritto. Siamo proprio sicuri che tanto la società quanto le imprese non abbiano bisogno di persone in grado di leggere, scrivere e fare di conto?”. 

 

 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus