Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Di tutto un po'

Serate romantiche.

Lo humor di Elisa Mignani. Scritto per “Civico20”.

12 Ottobre
10:30 2017

E' sabato, dopo una lunga settimana di lavoro ti ritrovi finalmente seduto sul divano con tuo marito, è sera , il pupo dorme, voi due siete abbracciati sotto una calda e morbida copertina di pail colore viola prugna, fuori il primo vento autunnale soffia impetuoso, il vostro film preferito scorre nella tv di fronte a voi, poi, lui ti guarda:

"amore, il bimbo dorme"

"sì"

rapida occhiata d' intesa ed eccovi che più velocemente di usain bolt vi spogliate a vicenda, le candele profumate in giro per la sala rendono l'atmosfera magicamente sensuale finchè:

"bau"

sì bau! no, non è il pupo, i pupi al massimo fanno nghè ma non di certo bau, quel bau proviene dalla stanza accanto dove dorme CANETTO!!

canetto è un pastore belga malinois di 9 mesi, un uragano concentrato, nel corpo gialllo, di un cane che è più simile al dott. jeki e mr. haid che a qualunque altra specie vivente.

tuo marito ti guarda.

"Amore penso che debba uscire" dico

lui abbassa lo sguardo.

"ci metto un secondo, arrivo subito"

lui si siede e si copre le parti intime con la coperta, probabilmente si vergogna di mostrasi nella sua nudità a canetto.

mi alzo, apro la porta e il cucciolotto esce tutto baldanzoso, passa davanti a mio marito e lo guarda, lui gli lancia un'occhiata di disprezzo, ma al cane giallo non fa nè caldo nè freddo.

Piuttosto la sua attenzione viene catturata dalle candele.

Ed eccolo che parte per annusarle infilandoci il muso dentro.

Ora, un creatura normale, sentendo l'ustione, si sarebbe allontanata velocemente, ma lui...lui è tutto forchè normale e non appena ha sentito che quella fiammella al profumo di vaniglia gli mordeva il naso, è partito all' attacco.

Della serie: "Fuoco brutto, va distrutto"

In pochi secondi tutte le candele presenti in sala vengono annientate, nonostante i miei nooooooo.

Volgo lo sguardo a mio marito e nella penombra vedo che si allontana con la coperta messa a mò d' asciugamano intorno alla vita.

Sono al buio, con il mio cane giallo che, felice dell'opera, siede al mio fianco con la lingua a penzoloni.

la mia serata romantica si conclude con me che stacco cera dai muri e dal muso del folle!!!

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus