Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura e Spettacolo

Caraglio (CN) - Andrea Loreni, Il funambolo dei record, cammina sul Filatoio

La traversata apre la mostra del poliedrico artista Jérémy Gobé

Foto d'archivio
27 Ottobre
12:00 2017

Andrea Loreni invita, passo dopo passo, a immaginare i 400.000 chilometri di prezioso filo di seta che collegano la Terra alla Luna.

Con una traversata funambolica di Andrea Loreni, unico funambolo italiano specializzato in traversate su cavo a grandi altezze, si inaugura domenica 29 ottobre alle ore 16.00 la prima personale italiana del giovane artista francese Jérémy Gobé, ospitata fino al 7 gennaio nelle splendide sale del Filatoio di Caraglio, il più antico setificio d’Europa ancora esistente.

Andrea Loreni, recordman italiano per la traversata del 2011 di 250 metri di lunghezza a 90 metri di altezza tra i colli di Penna e Billi in Romagna, si muoverà su un cavo d'acciaio dal diametro di 16 mm e lungo più di 30 metri, a 10 metri di altezza, sospeso in uno scampolo di cielo incorniciato dal secondo cortile del Filatoio.

Saranno i passi lenti del funambolo che, in delicato equilibrio, inviteranno il pubblico a intraprendere il viaggio verso e attraverso la mostra di JÉRÉMY GOBÉ, dal titolo TERRA DI SETA. 400.000 CHILOMETRI DALLA LUNA.

400.000 fragili bozzoli, diventano 400.000 cocons, un’opera organica, viva che racchiude circa 400.000 chilometri di prezioso filo di seta. Un invito a immaginare, come odierni Jules Verne, la distanza che separa la Terra e la Luna e a intraprendere il fantastico viaggio accompagnati dalla forza evocativa della performace di Andrea Loreni.

Sono la bellezza struggente e il forte impatto della camminata e delle opere ad unire i due artisti, sopra e sotto lo stesso tetto. Lo sguardo sale a seguire l’incedere leggero del funambolo, così come sale per ammirare, ascoltare e vivere le installazioni dell'artista francese.

L'aria, la luce e i giochi di ombre ritornano nella loro arte; così come la riflessione sul tempo e sullo spazio, che vede la sua massima e simbolica espressione nella traversata funambolica.

 

Il funambolo

 

Andrea Loreni

Nato nel 1975 a Torino, laureato in filosofia teoretica con Giuseppe Riconda all’università di Torino. Nel 1997 inizia a fare teatro di strada. Dal 2006 si dedica alle camminate su cavo a grandi altezze. L’intuizione dell’assoluto avuta camminando a grandi altezze lo avvicina alla pratica della meditazione Zen, che approfondisce sotto la guida di Shodo Harada Roshi al tempio Sogen-ji a Okayama, in Giappone.

Nel 2011 Andrea ha stabilito il record italiano nei cieli di Pennabilli, in Romagna, percorrendo 250 metri a 90 di altezza tra i colli di Penna e Billi; mentre a Rocca Sbarua, in provincia di Torino, ha passeggiato a 160 metri da terra.

Speaker per: Università di Milano-Bicocca, TeD x Lecce sul Coraggio; TeD x Bocconi sulle Percezioni, TedxSant'Anna School di Pisa; Eni Petroli sul Rischio; Festival Le parole della montagna sulla Vertigine; Pending Culture, Le murate PAC, Firenze, sulla Sospensione. Ospite di diverse trasmissioni televisive, tra cui Vertigo gli abissi dell’anima e Super Quark Speciale Equilibrio, protagonista del video musicale di Niccolò Fabi per la canzone Solo un uomo. Funambolo su cavo infuocato nella scena finale del film di Matteo Garrone, il Racconto dei Racconti.

Andrea ha camminato sopra l’acqua o immerso nel verde delle montagne, per il cinema e la televisione, in piano e in pendenza, in silenzio o accompagnato da suoni che hanno vibrato insieme alla corda. Ha percorso chilometri su un cavo teso nei cieli di numerose città italiane, tra cui Torino, Bologna, Roma, Venezia, Firenze, Genova, Brescia, Trieste, e all’estero camminando nei cieli della Svizzera, della Serbia, in Israele e lo scorso agosto sopra il lago del Tempio di Sogen-ji in Giappone.

 

Il Filatoio

Il Filatoio è il simbolo del passato tessile industriale piemontese che tra Seicento e Ottocento ha collegato l’Italia e la Francia attraverso scambi commerciali, tecnologici e culturali. Un rapporto nato da una felice intuizione dei Savoia per rispondere alla richiesta di seta pregiata destinata alla corte di Luigi XIV. Oggi il Filatoio è un centro culturale che ospita mostre ed eventi oltre al “Museo del Setificio Piemontese” dedicato alla filiera produttiva del filo di seta, dal baco al pregiato organzino. Il luogo si apre ad un dialogo continuo tra la tradizione e la creatività contemporanea per costruire l’identità e il futuro del territorio.

 

La mostra

 

TERRA DI SETA. 400.000 CHILOMETRI DALLA LUNA. OPERE DI JÉRÉMY GOBÉ è promossa da Fondazione Filatoio Rosso in collaborazione con Fondazione Artea e Regione Piemonte, col patrocinio del Comune di Caraglio, ed è sostenuta da Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, BCC Caraglio. Gli eventi collaterali sono a cura di Kalatà - progetti per fare cultura.

Dal 29 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018. Ingresso gratuito.

Da giovedì a sabato 14.30-19.00 / domenica e festivi 10.00-19.00

Filatoio di Caraglio – Via Giacomo Matteotti 40, Caraglio (CN)

 

Per info:

www.ilfunambolo.com

www.facebook.com/andrealoreni

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus