Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Video dal web

Bufale o verità? La Fontana Angelica di Torino

Il primo video della rubrica “Torino Fantasy”, nuovo progetto dell’Associazione Archivio Sergio Albano per rispondere agli interrogativi sulla Torino magica, esoterica, occulta, massonica e satanica, in modo chiaro e obiettivo

14 Novembre
11:00 2017

La rete riserva anche delle piacevoli sorprese. Dopo aver ricostruito la biografia del conte torinese Paolo Bajnotti, che ha destinato un suo legato di 150.000 lire al Municipio di Torino per la costruzione di una fontana monumentale in ricordo della madre, fontana oggi nota come Fontana Angelica, mi ero ripromesso di scrivere sull’autore della fontana, lo scultore Giovanni Riva, per sfatare gli oscuri legami sulfurei che lo avrebbero legato al donatore secondo consolidate leggende metropolitane che prevedono anche una spruzzata di indimostrate affermazioni di anticlericalismo a buon mercato, secondo la linea di pensiero che vuole la Chiesa sempre misoneista e retrograda.

Ho scoperto che di questa mission si è occupata la rubrica “Torino Fantasy”, nuovo progetto dell’Associazione Archivio Sergio Albano, che risponde agli interrogativi sulla Torino magica, esoterica, occulta, massonica e satanica, in modo chiaro e obiettivo, smontando vecchie bufale studiate ad arte a partire dagli anni ‘70 del ‘900 e cercando al contempo di restituire un fondamento storico alle antiche leggende di Torino.
“Torino Fantasy” si è aperta con un primo video, intitolato “Bufale o verità? La Fontana Angelica di Torino” che risponde in modo esaustivo e convincente alla domanda: “È vero che la Fontana Angelica di piazza Solferino è stata costruita secondo rigidi criteri esoterici?”, video che propongo ai Lettori di “Civico20News”.

Blog Archivio Sergio Albano:
http://tangodellageometria.blogspot.it/
contatti privati:
Email:
francesco.albano@hotmail.com

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus