Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Sport

Italia fuori dal Mondiale 2018: catastrofe (sportiva) e (s)Ventura annunciate

14 Novembre
10:15 2017

Roba da far impallidire il ricordo di Pak Doo-Ik e da lasciare in pace per un bel po’ la memoria di Edmondo Fabbri: l’Italia fuori dal Mondiale dopo sessant’anni.

Le macumbe di Infantino, Evelina e Marchionne non sono servite.

Una catastrofe (sportiva) e una (s)Ventura.

Catastrofe (sportiva) per altro annunciata: da un campionato dove giocano titolari Joao Pedro, Nagatomo e Juan Jesus, giusto per fare qualche nome, non ci si poteva aspettare niente di più.

Effetti devastanti della “sentenza Bosman”, serie A in mano a faccendieri e procuratori senza scrupoli, giovani calciatori, magari bravi, relegati perennemente in panchina o titolari nelle serie minori.

Retorica? Luoghi comuni? Può darsi, ma questo è lo stato dell’arte.

Senza andare troppo lontano, e guardando in casa nostra, granata, nell’ultima partita di campionato il Toro ha schierato tre difensori su quattro, due centrocampisti su tre e due attaccanti su tre, tutti giocatori oltre-confine.

Totale 7/11 stranieri.

Alcune squadre sono messe ancora peggio ed il passato è ricco di esempi eclatanti: basti citare l’Inter del “triplete” mouriniano, che schierava 11/11 con passaporto straniero.

Non poteva che finire così, almeno a casa nostra.

In altri paesi, Spagna e Germania, guarda caso le ultime vincitrici del “mundial”, la Federazione ha imposto regole molto rigide sulla crescita e sull’impiego dei giovani, ed i risultati si sono visti e si vedranno ancora.

Da noi gioca ancora De Rossi, rimpiazzato ieri sera da Jorginho, Candreva e Parolo, titolari inamovibili, e Tavecchio, Presidente Federale. Tutto dire.

Ma non basta.

Oltre alla catastrofe, la mancata qualificazione ai Mondiali 2018 è sicuramente una sVentura: infatti se la FIGC cercava qualcuno in grado di esaltare al massimo i problemi del calcio italiano, l’ha sicuramente trovato nel “vate” genovese.

L’uomo giusto al posto giusto.

Esaltato da una frangia della tifoseria granata, probabilmente ammaliata dall’abbronzatura e dalla dentiera, il CT ha dimostrato finalmente, a livello nazionale, di essere quello che effettivamente è: incapace, presuntuoso, sopravvalutato ed arrogante.

Al di là del facile “l’avevo detto, io”, ed io, personalmente, vado dicendolo e scrivendolo da tempo, insieme a pochi altri, prendendomi insulti e minacce, tra l’altro; credo che la pochezza di questo signore, si possa riassumere nel labiale di De Rossi, visto da milioni di spettatori, ieri sera.

Un signore che è riuscito nella difficile impresa di imbrocchire Insigne, far giocare uno spezzone (e fuori ruolo) a El Shaarawy, uomo più in forma in questo scorcio di campionato, rispolverare Gabbiadini.

E qui mi fermo.

Un perdente di successo, che ieri sera ha toccato l’apice della propria carriera.

Italia fuori dal Mondiale 2018: una catastrofe sportiva, economica e di immagine.

Già mi sembra di sentire le bestemmie di colleghi ed imbucati vari, tra viale Mazzini e Cologno Monzese, che non potranno godersi la trasferta in terra russa, degli sponsor che stanno battendo in ritirata e soprattutto dell’omino di Masio (Al) che sta pensando alla minusvalenza relativa alla plusvalenza di Belotti, che non partecipando al “mundial”, vedrà almeno dimezzato il proprio valore.

 


 

 

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus