Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Libri

Il fascino della Liguria in un elegante libro

5 Dicembre
13:00 2017

“LIGURIA UNA DOLCEZZA INQUIETA ”, è la nuova pubblicazione prodotta dalla Banca CARIGE dove vengono  riportate  opere di quegli artisti e intellettuali, liguri e non, che nel corso del Novecento, hanno visitato la Liguria, restandone fortemente impressionati e affascinati”.

Così è riportato nell’intervento istituzionale sul volume dal Presidente dell’istituzione bancaria  genovese Giuseppe Tesauro.  Il libro presentandosi in una veste grafica raffinata ed elegante, accattiva subito il lettore dalla copertina sopracoperta dove viene riportata la riproduzione del quadro eseguito dal futurista Gerardo Dottori ”Paesaggio con arcobaleno”, l’artista riporta le coste frastagliate e l’arcobaleno a ventaglio che abbraccia tutta la terra incantata della Regione Liguria.  

Gli autori Pietro Boragina e Giuseppe Marcenaro, spiegano nella prefazione: questo libro è senza una logica”Affidato soltanto all’evocazione come  liberamente affiora alla mente”. Questo libro si gioca tutto sulla mente di chi lo sfoglia, a sua volta libero di  immaginare altri accostamenti”.Il viaggio della descrizione inizia dalle Grotte dei Balzi Rossi per finire alle Cinque Terre  con un susseguirsi  di foto antiche, di poesie che lodano la terra ligure, con la riproduzione di quadri, accompagna poi il lettore con scritti di Biamonti, Nico Orengo che  fanno da contraltare  ai quadri  liguri  di Monet (incantato  dagli ulivi  e dalle palme), le pagine evocano poi anche testi dove si descrive le ricette della cucina ligure.

Una carrellata di foto dei grandi intellettuali che sono stati attratti dal fascino della Liguria da Elio Vittorini  Carlo  Emilio Gadda, Gianna Manzini, Montale, Sbarbaro, Barile, Paul Valery.  Dino Campana e Albert Camus descrivono poi  la Genova dei suoi tempi, Mario Soldati da buon gustaio  e Giovanni Comisso parlano di quella zuppa di pesce consumata tutti i giorni nella trattoria Carlotta.

Nel libro non si poteva tralasciare l’accenno  al basilico, come dell’ardesia che Emilio Scanavino si ispira ed illustra i suoi quadri, il divisionista Rubaldo Merello che rimane affascinato da San Fruttuoso e dalla bellezza del Golfo del sottobosco e dell’abbazia e il genovese Domenico Guerello (vicino al simbolismo)che ritrae le Cinque Terre in un tripudio  di colori , mentre  Renato Birolli , essendo un artista che fa parte ad un gruppo affermato di artisti come Renato Guttuso, Giacomo Manzù e Aligi Sassu, esalta il paesaggio in modo quasi astratto.  

 Nelle pagine patinate della splendida  pubblicazione, le bellezze della Liguria sono messe in evidenza e descritte come hanno voluto un tempo i letterati,  e  a secondo delle loro vedute  e partecipate sensibilità”.

Pietro Boragina, Giuseppe Marcenaro – Liguria una dolcezza inquieta – Ed. Algraphy per Carige - pp.142(senza indicazioni di prezzo).

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus