Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Musica

#Sanremo2018: plagi e similitudini

7 Febbraio
12:21 2018

 

La prima serata di #Sanremo2018 è stata un successone: 52.7 % di share, con più di undici milioni di spettatori.

Ampiamente battuto quindi l’esordio di Carlo Conti, tre edizioni comprese.

Bel risultato, non c’è che dire, complice la trasbordante performance di Fiorello, che è riuscito perfettamente a fare lo “scaldapubblico”; ma il boom di ascolti è anche e soprattutto il frutto del lavoro del “dittatore artistico” che, a quanto pare, è riuscito a creare una buona alchimia con i collaboratori sul palco del Teatro Ariston.

Chiaro, siamo alla prima serata e il cammino è ancora lungo: bisognerà vedere, fin da stasera, se le percentuali di ascolto verranno mantenute.

Ne riparleremo.


Vorrei concentrarmi invece, su un aspetto alquanto dolente, che caratterizza tutte, ma proprio tutte, le edizioni del Festival: il plagio, o la similitudine.

Clamorosa, ad un primo ascolto, l’assonanza di “Non mi avete fatto niente”, presentata da Ermal Meta e Fabrizio Moro, con una certa “Silenzi”, pubblicata sul sito della Rai il 29 Ottobre 2015 (ORA È STATA CANCELLATA), interpretata certi da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali, presentata alle selezioni di Sanremo Giovani nel 2016.

Diciamolo subito forte e chiaro: l’autore di entrambe è Andrea Febo, che quindi non può plagiare se stesso, ma la canzone non è inedita, e questo va contro il regolamento della manifestazione.

Se poi la canzone “Silenzi” fosse stata presentata dal vivo ed avesse generato introiti, allora Ermal e Fabrizio, come da regolamento, verrebbero squalificati.


La notizia è stata data in anteprima da Altrospettacolo.it e ripresa a notte fonda da Mariano Della Morte.

Ora, la commissione del Festival è al lavoro per le opportune verifiche.


Ma non è tutto, tenetevi forte.

Arianna da Torino, che ringrazio, mi segnala una autentica bomba, che possiamo considerare uno scoop in esclusiva di Civico20 News.

La canzone “Il segreto del tempo”, interpretata da Roby Facchinetti e Riccardo Fogli è molto, ma molto simile, nella struttura e nella metrica delle strofe a, tenetetevi forte, un canto di chiesa: “Tu sei la mia vita” – (Symbolum ’77) – Shalom.

Ora: Facchinetti ha scritto la musica e Pacifico il testo. ispirazione Divina?

Potete rendervene conto cliccando su questo link (https://youtu.be/IZRjG2l1v90).

Lascio a voi le considerazioni del caso e naturalmente vi terrò informati sugli sviluppi.

 

Stay Always Tuned !!! 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus