Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Startup: un paradosso tutto italiano.

Una startup innovativa su due non ha un sito funzionante.

12 Febbraio
08:00 2018

Un paradosso tutto italiano: soltanto una su due delle startup iscritte al Registro apposito ha un sito funzionante (il 49,7%), le restanti sono carenti. La ricerca del settembre scorso ad opera del Report Startup Seo 2017 suscita dei dubbi sul rapporto tra l’Italia e l’innovazione.

La situazione migliora sul fronte delle startup “facilitate”, ovvero quello che si avvalgono di un supporto professionale (investitori, incubatori, acceleratori): l’86,7% ha un portale ‘in salute’. Il primato sotto questo aspetto va a Torino dove 42 Accelerator vantava 8 startup su 10 con un sito web accettabile.

I dati qui sopra cozzano con la richiesta avanzata nello Startup Day del 5 febbraio scorso di chiamare lo Stato quale principale investitore in questo settore, che nel Bel Paese è privo di un pensiero atto a condurre i privati a scommettere su azienda innovativa.

Perché sembra che qualcosa manchi anche a chi ha l’idea, se metà delle startup iscritte nel registro di Stato è priva di un sito funzionante, quando quel termine anglofono indica proprio una società che si rivolge a un nuovo business e necessità di essere il più attrattiva possibile, quindi un ‘buon biglietto da visita’ come un sito dovrebbe essere la norma.

Come gruppo di imprenditori a nostra volta guardiamo questi dati con amarezza, perché rischiano di significare che qualcosa non va, se non addirittura che il nostro Paese sta mancando l’appuntamento con l’innovazione.

L.V.C.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus