Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Torino - Bollette e dintorni: "Zero", numeri da capogiro

Parte alla grande il 2018 di uBroker, la start-up che ha rivoluzionato i consumi degli italiani

Cristiano Bilucaglia, Presidente di uBroker S.r.l.
2 Marzo
14:00 2018

È riuscita persino, con parte degli utili, a far produrre da una storica azienda marchigiana colpita dal sisma del 2016 pasta per 1.000 senza fissa dimora della ‘Mensa dei Poveri’ di Torino fondata dal sacerdote cottolenghino Don Adriano Gennari, da sempre vicino a poveri, malati e sofferenti.

Arriva ancora una volta dal web l’idea geniale, e solidale, di ‘uBroker Srl’ che ha rivoluzionato per sempre i consumi degli italiani. Come? Azzerando le bollette di luce, gas, telefono e internet. 

"Canone Rai e accise comprese per un risultato strabiliante, ottenuto molto prima e altrettanto meglio di quello che qualsivoglia politico del nostro Paese è in grado di promettere e realizzare, anche sotto elezioni".

Rimarca il Presidente Cristiano Bilucaglia che sottolinea come, in questo caso, il sogno di sempre di ogni cittadino sia diventato realtà.

E si chiama, proprio, ‘ZERO’ (www.scelgozero.it):

"Mai prima d’ora nella storia del mondo, nel campo delle utilities, numero fu più fortunato e beneaugurante".

dice ancora Bilucaglia che sottolineacome in Italia vi sia una crescente e fiorente community di privati e PMI che non paga piùle bollette:

"Incredibile ma vero; oltre ventimila utenti, tra consumatori e piccoli imprenditori, si sono visti applicare in fattura sconti crescenti e cumulabili complessivi erogati per uin totale che supera i 2 milioni di euro. Tuttpo ciò nei primi 36 mesi di vita di "Zero" consumando gratis giornalmente energia: illimitatamente

  Cifre importanti che, in tempi di crisi e recessione stagnanti, per restare doverosamente in metafora,

"fanno davvero esultare e gridare al miracolo".

Bilucaglia ha poi evidenziato il continuo dissolversi di fatto di tutti i dettagli di spesa che rendono "insopportabile e invisa ogni bolletta" compresal'Iva, anch’essa trasformatasi da voce di costo in voce di sconto, come già accade anche nel quotidiano per altri beni materiali, automobili in primis.

Nato a Gennaio 2015 (mese dell’attivazione della prima fornitura erogata), ‘ZERO’ ha smentito, in termini di numeri, il buon nome che porta.

"A più di tre anni dalla nascita quello che, con espressione vivace e azzeccata, il noto psichiatra, anchorman televisivo e criminologo Alessandro Meluzzi ha definito a buon diritto “il primo social utility network della storia” cresce al ritmo serrato del 300% annuo sfiorando, a febbraio, quota 1000%".

Un progetto innovativo e riuscito, frutto dell’estro di Cristiano Bilucaglia, talentuoso ingegnere biomedico e informatico pluripremiato da consumatori e imprenditori, definito altresì a ragion veduta, dalla stampa economica italiana, ‘un visionario competente’, avendo anche ideato nel 2009, in piena crisi di liquidità, l’EuroCredito, storicamente la prima e più diffusa moneta complementare italiana.

“Oggi, ‘ZERO’, è una realtà ben avviata che, smarcatasi felicemente dalla fase triennale propria di ogni vera start-up, consolida ogni giorno di più il ruolo crescente che ha assunto nel cuore e nelle tasche dei consumatori italiani, quale partner fiduciario privilegiato unico dei loro consumi. Distribuendo benessere e ricchezza. Creando persino occupazione. Moltissimi clienti, infatti, hanno fatto di ‘ZERO’ anche un mestiere con cui incrementare realmente il proprio portafoglio. Come? Contribuendo semplicemente alla diffusione del progetto di business e ottenendone ricavi anche consistenti”,

ha concluso soddisfatto Cristiano Bilucaglia, Presidente di ‘uBroker SRL’ (www.ubroker.it), la Multiutilies Company torinese titolare del progetto:

"Quando la tecnologia applicata all’economia incontra il sociale, nascono vittorie destinate a restare nel tempo. Risparmio e affidabilità in bolletta: il nuovo mondo comincia da ZERO".

 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus