Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

La corruzione nelle società mondiali

L' Italia è uno dei paesi ad alta criticità

7 Marzo
13:00 2018

Come può essere definita la pratica della corruzione nella società attuale? Nonostante il diverso livello a cui è giunta la corruzione in diversi paesi mondiali, differenti per cultura, tradizioni, ricchezza, religione, essa è percepita sempre come una vera e propria malattia in tutte le parti del mondo.

La corruzione è spesso descritta come un "cancro" nella società.

L'uso di questa terminologia indica che si tratta di un malessere sociale che inizia in un punto del corpo e si diffonde infettando sempre più cellule. Se questa metafora ha qualche valore, è importante trovare la giusta posizione del problema di corruzione nel "corpo sociale". Se non si sa dove si trova la malattia, la probabilità di curarla è ovviamente minima.

È tuttavia importante riconoscere che, come ogni malattia insidiosa, la corruzione presenta molteplici miti o falsi artifizi per offuscare la sua fonte ed eludere i tentativi di curarla. Sono stati identificati alcuni pilastri su cui si basa la corruzione, esaminando i quali nel corpo sociale potremmo somministrare un trattamento per attaccare la corruzione alla sua vera fonte.

Nella cartina in alto vengono rappresentati i paesi mondiali a seconda dell' intensità della corruzione in ogni singolo paese ( In rosso quelli più corrotti, in giallo quelli che lo sono meno) . L' Italia è in una posizione intermedia.

In un' analisi critica e ragionata della ricerca sulle ragioni della corruzione nel mondo, spiccano i seguenti quattro punti:

Strutturalismo

L'aumento dei grandi insiemi di dati ( Big data ) ha consentito un'analisi statistica avanzata di ciò che differenzia i paesi con alti e bassi livelli di corruzione. I paesi dominati dal luteranesimo, che sono geograficamente relativamente piccoli, che non hanno avuto una storia di sfruttamento da parte delle potenze coloniali, e che sono relativamente etnicamente omogenei, sono andati meglio degli altri.

 Questi risultati di ricerca sono certamente preziosi, ma sono anche al di fuori della portata e della sfera di influenza delle attuali politiche pubbliche. Proprio come un paziente oncologico che chiede al suo medico una possibile cura non è aiutato dal consiglio piuttosto stupido che avrebbe dovuto scegliere altri genitori, i ricercatori spesso confondono la nozione di significatività statistica con significato politico.

Comportamentismo

Un altro spettro di spiegazioni alla ricerca di questa malattia si concentra su questioni comportamentali come il livello di integrità e lo standard di etica dei politici, dei dipendenti pubblici e di altri gruppi professionali nel settore pubblico. Va da sé che un paese con elevati standard morali nel servizio civile non soffrirebbe di corruzione sistemica. Il problema con questo tipo di analisi è che le variabili esplicative sono difficili da distinguere da ciò che deve essere spiegato. È vicino a una tautologia affermare che ciò che spiega i bassi livelli di corruzione in un paese è un elevato standard etico tra politici, giudici e dipendenti pubblici. In realtà, questa linea di ragionamento non ha alcun potere esplicativo; invece è più una ripetizione dei dati.

Istituzionalismo

L'alternativa alle spiegazioni strutturali e comportamentali è quella di concentrarsi sull'importanza delle istituzioni. È importante sottolineare che le istituzioni sono costruite e riprodotte (e talvolta distrutte) dagli esseri umani e quindi, in linea di principio, sono aperte al cambiamento indotto dalla politica.

Le istituzioni possono essere formali e informali, quindi è necessario sapere quali sono le più importanti da affrontare per ridurre il livello di corruzione. Questo è un problema in cui la ricerca sembra ora fornire una risposta chiara, ovvero che l'importanza delle istituzioni formali è stata molto sopravvalutata.

Un esempio è l'Uganda, che dopo numerosi interventi da parte dei donatori, ha stabilito un quadro istituzionale che, secondo l'Agenzia svedese per la cooperazione internazionale allo sviluppo, era "ampiamente soddisfacente in termini di misure anticorruzione". Le istituzioni formali di regolamentazione anticorruzione dell'Uganda totalizzano 99 punti su 100 nell'indice Global Thinkline di think tank, eppure il paese è, secondo le misure esistenti, uno dei più corrotti al mondo.

Un altro esempio è l'Italia. Gli studi sulla corruzione in questo paese mostrano una variazione notevolmente ampia tra le sue regioni meridionali e settentrionali. Eppure, questo è un paese che ha avuto le stesse istituzioni formali per 150 anni !

Questo risultato implica che la forte attenzione al cambiamento delle istituzioni formali nazionali, come l'introduzione di speciali agenzie nazionali anticorruzione e leggi più severe, con ogni probabilità, è una strategia anti-corruzione fuori luogo. Questo non vuol dire che le leggi nazionali contro la corruzione non siano importanti, ma dall'esempio italiano è ovvio che sono tutt'altro che sufficienti. Ad oggi, molti, se non la maggior parte, paesi altamente corrotti hanno severe leggi formali contro la corruzione.

Culturalismo

Questa mancanza di importanza delle istituzioni formali implica che la corruzione sia in qualche modo radicata nella cultura tradizionale di luoghi come la Sicilia e altre società altamente corrotte? Questa è la comprensione diffusa in antropologia, ma, in misura crescente, anche in economia. Molti antropologi, essendo inclini al relativismo culturale, usano la cultura per giustificare la corruzione, ignorando in gran parte la grande quantità di ricerca empirica che mostra i suoi effetti dannosi su quasi tutti gli aspetti del benessere umano. Gli economisti, tuttavia, incolpano le culture di società altamente corrotte, etichettandole come "disfunzionali".

"Cultura" è spesso confusa per indicare l'orientamento morale generale della popolazione in questione, ma ci sono (almeno) due problemi con questa comprensione della corruzione. Il primo è la mancanza di supporto empirico: i rispondenti al sondaggio Afro-Barometro per 18 paesi dell'Africa sub-sahariana hanno chiesto il loro parere sui seguenti scenari in cui un funzionario: "decide di individuare un progetto di sviluppo in un'area in cui i suoi amici e sostenitori vivere"; "Dà un lavoro a qualcuno della sua famiglia che non ha qualifiche adeguate"; e "richiede un favore o un pagamento aggiuntivo per un servizio che fa parte del suo lavoro". Tra il 60% e il 76% dei 25.086 intervistati considera tutti e tre gli esempi di corruzione "sbagliati e punibili", mentre solo una piccola minoranza considera azioni come "non del tutto errate".

Risultati simili sono stati riportati dall'India. Una netta maggioranza di abitanti di villaggi in regioni profondamente corrotte in India ha risposto che ritenevano "molto importante" che i dipendenti pubblici "trattassero tutti allo stesso modo, indipendentemente dal reddito, dallo status, dalla classe, dalla casta, dal genere e dalla religione", e anche che i funzionari "dovrebbero mai in nessun caso accettare tangenti ".

Il secondo problema con l'approccio "culturalista" alla corruzione è come collegarlo alla politica. Dare la colpa morale alla cultura di una nazione non è molto diverso dal dire che "sei una persona disonesta e cattiva". Questo probabilmente non è un buon inizio per ottenere un ampio cambiamento di politica.

Il problema è che queste analisi confondono la cultura come un orientamento morale con quello informale delle istituzioni. Dovrebbe essere ovvio che le istituzioni informali e i valori morali sono due cose diverse. I filosofi hanno sostenuto che la distinzione tra "norme morali" e "norme sociali" sia "fondamentalmente diversa".Le norme morali "giustificano il principio normativo pertinente", mentre le norme sociali consistono nella "presunta pratica sociale".

Ad esempio, se si viaggia in un paese in cui si impara che la "presunta pratica sociale" per ottenere cure mediche per i propri figli è di pagare le bustarelle del personale sanitario, la maggior parte delle persone pagherebbe. Tuttavia, il genitore potrebbe essere ancora moralmente sconvolto e convinto che farlo sia eticamente sbagliato. Allo stesso modo, un medico in un sistema sanitario corrotto sistemicamente può disapprovare moralmente la pratica di prendere denaro "nascosto in una busta, ma ha poco senso essere l'unico attore onesto in un sistema in cui questa è la "presunta pratica sociale". Le istituzioni informali disfunzionali non devono necessariamente essere intese come parte di una cultura se per cultura intendiamo "credenze" e "valori" morali.


Questo articolo fa parte di una serie di altri presentati nell' ambito della Giornata mondiale anticorruzione, curata dall' Iniziativa per la lotta contro la Corruzione ( PACI)

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus