Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Scienza e Salute

Il capitano della Fiorentina e la sua tragica morte improvvisa. E' stata causata dalla sindrome di Brugada?

9 Marzo
11:00 2018

La morte,improvvisa e inaspettata, in una camera di albergo di  Davide Astori 31 anni, brillante atleta e  capitano della Fiorentina, oltre al dolore causato da un simile evento, è stata causa di sconcerto per tutte le persone che, a qualunque titolo, gli erano affezionati. Le prime informazioni parlano di arresto cardiocircolatorio, ma quali sono le cause che possono aver  determinato la sua morte di notte, nel sonno, senza un apparente motivo particolare?

T5EU555La sua condizione di calciatore di serie A fa presupporre controlli accurati, screening severi ed attenti, al fine di individuare precocemente patologie serie che renderebbero incompatibile lo sforzo fisico, cui il giovane era chiamato durante gli incontri. Una delle ipotesi avanzate è che si possa trattare di una patologia  poco conosciuta, ma ben nota agli specialisti: la "Sindrome di Brugada".  E' questa una entità clinica descritta nel 1992 dai fratelli Brugada associata ad un elevato rischio  di morte cardiaca improvvisa,  senza che sia evidenziabile una cardiopatia strutturale.

L'incidenza di un evento letale è più frequente nei maschi nella terza e quarta decade di vita. E' una patologia su base genetica che colpisce alcuni canali ionici, strutture responsabili del flusso delle informazioni legate al potenziale elettrico del cuore, poste sulla membrana plasmatica delle cellule cardiache, il cui malfunzionamento crea alcuni squilibri nell’attività elettrica del cuore, aumentando il rischio di insorgenza di aritmie potenzialmente fatali.

La sindrome di Brugada è dunque un disturbo del ritmo cardiaco in grado di causare  episodi di aritmia ventricolare gravi e sporadicamente letali, quali la fibrillazione ventricolare. Si tratta di una rara anomalia su base ereditaria del ritmo cardiaco che limita il flusso di ioni di sodio nelle cellule cardiache. Di conseguenza il flusso di impulsi elettrici attraverso il cuore viene interrotto, ed è questa  la causa  dell'insorgere di  ritmi cardiaci potenzialmente letali. La malattia non determina alterazioni delle struttura cardiaca; è rara nel mondo occidentale e colpisce più frequentemente i giovani di origine sud-est asiatica.

Tale affezione può passare inosservata, a causa della sfumata sintomatologia avvertita dal paziente; il segno più importante della sindrome di Brugada, è una irregolarità del tracciato elettrocardiografico, conosciuto come "modello Brugada ECG di tipo 1". Non è possibile identificare la sindrome,  che viene rilevata solo con l'esecuzione di un elettrocardiogramma.

È anche possibile avere un tracciato simile a quello del modello Brugada, senza avere tale affezione; tuttavia, segni e sintomi che potrebbero significare che se ne soffre,  sono costituiti essenzialmente da disturbi del ritmo cardiaco (aritmia ventricolare) o palpitazioni. Tuttavia è possibile che il paziente non accusi alcuna sintomatologia. Questa, quando presente, consiste in una sensazione  di mancamento, fino al verificarsi dello svenimento conclamato (sincope). Possono essere presenti irregolarità e atipie del battito cardiaco, fino ad arrivare all'arresto cardiaco improvviso.  I sintomi della sindrome di Brugada sono simili ad altri disturbi  del ritmo cardiaco, quindi avvertendo anomalie nel proprio battito cardiaco, anche se sporadiche, è essenziale consultare il medico per scoprire se si tratta proprio della sindrome in esame o un altra tipologia di problematica cardiaca la causa responsabile dei sintomi. Conviene consultare uno specialista anche nel caso in cui la sindrome sia stata diagnosticata ad un genitore o ad un parente stretto che potrà giungere ad una congrua conclusione dopo l'esecuzione di idonei test genetici, necessari per valutarne l'eventuale rischio.  

5i67677E' necessario dunque, fra i dati anamnestici  del  paziente, tenere in considerazione anche la sua storia familiare:   se ad altri membri della famiglia è stata diagnosticata la sindrome di Brugada, vi è un alto rischio di avere ereditato questa condizione. E' necessario ricordare che i maschi, specie gli adulti  sono più facilmente esposti alla possibilità di soffrirne, rispetto alle donne.  Anche l'innalzamento della temperatura corporea non va sottovalutato;  la febbre, in pazienti predisposti,   può essere un fattore irritativo per  il cuore, e stimolare un arresto cardiaco improvviso, soprattutto nei bambini.

Le complicazioni della sindrome di Brugada, come tutti gli arresti cardiaci acuti,  richiedono cure mediche di emergenza, da somministrare nel più breve tempo possibile da personale esperto e qualificato, in grado di utilizzare correttamente un  defibrillatore, lo strumento  salvavita, grazie al quale è possibile rilevare le alterazioni del ritmo della frequenza cardiaca ed erogare una scarica elettrica al cuore qualora sia necessario. Lo  shock elettrico è indispensabile per azzerare il battito cardiaco e, successivamente, ristabilirne il ritmo.

 

Foto defibrillatore da : http://www.iptsbh.com/ar3/automated-external-defibrillation-aed/

Alcune foto presenti in questo articolo  sono state tratte da internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in queste fotografie, o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: ranero@tiscali.it

 Si provvederà alla cancellazione del contenuto  nel minor tempo possibile.

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus