Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Torino. Giocateatro 2018 Antigone 3.0

Donne che hanno sfidato o scelto la Mafia; Le Madri

15 Aprile
15:00 2018

Antigone 3.0 LE MADRI è stato selezionato e parteciperà il 19 aprile alle 22,30 al Festival Giocateatro Torino, la vetrina con i programmatori del teatro ragazzi italiani e stranieri che si riuniranno dal 18 al 20 aprile alla Casa del Teatro Ragazzi e Giovani per conoscere le ultime proposte per le nuove generazioni.

Eleonora Frida Mino ha deciso di presentare durante la kermesse torinese l’ultimo capitolo del progetto dedicato alle donne di mafia, le madri.

Come ogni anno – spiega la monologhista della legalità – questa manifestazione offre l’opportunità di confrontarsi con colleghi e con esperti che provengono da tutta Italia e spesso anche dall’estero. È un’occasione non soltanto per far conoscere il proprio lavoro fuori dai circuiti locali, ma anche per ottenere stimoli nuovi. Per qualche giorno ci si immerge completamente nella realtà artistica, portando un po’ di se stessi e delle proprie competenze e allo stesso tempo acquisendone di nuove grazie al confronto con i colleghi”.

Quest’anno saranno le “madri” di mafia le protagoniste dell’esibizione dell’attrice torinese, figure molto diverse tra loro: positive, come Maria Stefanelli, che per amore della figlia sceglie di denunciare la famiglia e una vita in fuga dalla ‘Ndrangheta, e negative come Giovanna Cannova, che rinnegò la figlia Rita Atria, per la sua scelta di diventare testimone di giustizia.

Essere mamma per me che lo sono diventata da poco – conclude la Mino – significa prendersi cura di un figlio, a prescindere da chi effettivamente lo abbia portato in grembo e partorito.

Per questo ho inserito una terza figura in questo spettacolo, quella di Suor Carolina Iavazzo, che fu accanto a Padre Pino Puglisi nel quartiere Brancaccio

di Palermo e che si prese cura di molti bambini e ragazzi alla strada e alla vita mafiosa”.

Queste ultime storie conclude la trilogia Antigone 3.0, un work in progress iniziato nel 2016 con i reading su Emanuela Loi, Denise Cosco, Lucia Riina e Marisa Merico Di Giovine.

Donne che si sono sacrificate e hanno lottato per la giustizia e donne che, invece, hanno difeso le proprie origini mafiose con ostinata consapevolezza.

Il nuovo progetto, scritto a quattro mani con Roberta Triggiani, vedrà ancora la partecipazione della pittrice Giulia Salza, che accompagna sul palco l’attrice durante i reading dando forma alle parole attraverso la pittura, e di Matteo Castellan e Giulia Subba che creeranno con la loro musica le atmosfere durante lo spettacolo.

Per informazioni sulle date e sul programma consultare il sito www.eleonorafridamino.com

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus