Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Lettere al Direttore

Torino - 1° Maggio festa dei lavoratori

Le perplessità di un nostro lettore

30 Aprile
14:00 2018

Egregio Direttore,

a Torino la Triplice (CGIL-CISL-UIL) continua a publicizzare il 1° Maggio come Festa dei Lavoratori, mentre nella realtà bisognerebbe istituire la Festa di disoccupati, precari, e cassaintegrati! 

Tutto per colpa dei politici, anche di Sinistra, che non fanno nulla per fermare il triste andazzo, e la chiusura di aziende, o favorire uno straccio di lavoro ai tanti giovani e meno giovani! 

Mentre per le Banche i ricavi aumentano! Cioè, chi ha già avrà ancora di più?

 

Marino Domenico

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Carissimo lettore,

le perplessità da Lei espresse sfondano, purtroppo, una porta aperta, ma ciò non deve essere mal interpretato bensì indurre nella profonda riflessione che mette il potere economico, ma soprattutto, finanziario, al di sopra di qualsiasi altra incombenza dell'immediato che Sindacati, o il potere in generale, devono mettere in primo piano.

Prima cosa l'occupazione che dà dignità ad ogni essere umano ben più di un assistenzialismo perverso che giova soltanto a chi nulla fa e nulla farà per trovare una qualsiasi occupazione che consenta di sbarcare il lunario.

Sempre ottemperando, ben inteso, alle disposizioni di legge troppo spesso disattese da parte di chi trasforma l'offerta di lavoro in sfruttamento di chi si trova nello stato di bisogno.

Per cui faccio fatica, come d'altronde Lei ha acutamente osservato in apertura, a festeggiare una ricorrenza che si è trasformata in generale contestazione più che in una festa dal profondo significato.

E, mi creda, non ci sono segnali confortanti per l'immediato o per il futuro prossimo a venire.

La panacea di ogni male sta nella coscienza di chi tira le redini del potere senza irritare i cavalli trainanti che cosentono loro di sedere sempre a cassetta.

Ma forse si tratta di un volo pindarico che sa di nostalgia più che di vero convincimento, ormai.

 

     

      Civico20News

     Massimo Calleri

Direttore Responsabile


 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus