Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Scienza e Salute

Torino - Ospedale Mauriziano: dimissione integrata

Liliana Carbone per Civico20News

11 Maggio
14:00 2018

Molto spesso tornare a casa dopo un periodo di degenza in ospedale non è un momento facile, soprattutto per gli anziani che devono fare i conti con il sovraccarico di informazioni nel momento della dimissione che può rendere inaccessibili le informazioni davvero utili, con i problemi delle riammissioni in pronto soccorso oppure le telefonate in reparto o in ambulatorio dopo pochi giorni dalla dimissione.

Per questo l’ospedale Mauriziano ha attivato il progetto “Vai a casa: la nostra presenza, competenza e i nostri valori ti sosterranno” per il potenziamento del percorso di dimissione ospedaliero per il paziente con patologia acuta e per i suoi familiari. Si avvale di un video informativo e di una lettera di dimissione integrata informatizzata che hanno l’intento di guidare nel migliore dei modi i pazienti nella dimissione a casa, che al Mauriziano rappresentano l'82% dei dimessi dall'ospedale hub. 

Il video, posizionato nei reparti, fornisce l’ “Abc” del post ricovero ovvero una serie di consigli in previsione delle dimissioni a domicilio. La lettera di dimissione integrata informatizzata, che viene compilata dall'infermiere prima della dimissione dopo una rivalutazione complessiva dell’assistito, contiene importanti raccomandazioni utili una volta a casa qualora emergessero nella prima settimana di fase post-acuta successiva all’ospedalizzazione esigenze a bisogni di base e alla sua autonomia.

Il progetto è nato da una serie di richieste che sono emerse dallo studio condotto dall’ospedale, basato su 113 interviste telefoniche condotte sul 10% degli assistiti (un campione di intervistati uomini di età media 68 anni). Il progetto ha vinto il primo premio Ipasvi Torino (Ordine professioni infermieristiche) e un contributo economico che ha consentito di potenziarne le caratteristiche e ha visto la partecipazione, oltre dei medici, anche di infermieri, fisioterapisti, dietisti e volontari dell'associazione Avo. 

 

Liliana Carbone

 

 

 

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo