Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Tecnologia

Mark Zuckerberg sotto attacco

I grandi investitori di Facebook vogliono spodestarlo dalla presidenza

27 Giugno
11:30 2018

Fonte: Businessinsider.com

Alcuni investitori di Facebook che vantano quasi 3 miliardi di dollari in azioni, si stanno muovendo per rovesciare Mark Zuckerberg dalla presidenza e demolire la sua base di potere presso l’azienda.

Business Insider ha parlato con sei importanti azionisti che stanno diventando sempre più irrequieti riguardo al modo in cui Facebook è gestito e sempre più insistenti nelle loro richieste di cambiamento.

Tutti concordano sul fatto che la rabbia tra gli investitori non è mai stata più alta da quando Facebook è diventato pubblico nel 2012. Hanno assistito con frustrazione a una serie di scandali che hanno coinvolto l’azienda, dalle interferenze elettorali al disastro informatico di Cambridge Analytica.

Queste crisi sono state in parte causate dal modo in cui l’azienda è gestita, hanno detto gli investitori ribelli, e non sono state affrontate adeguatamente perché la struttura di corporate governance di Facebook significa Mark Zuckerberg è fondamentalmente intoccabile sia come Ceo sia come presidente.

“Siamo preoccupati per la struttura del consiglio di amministrazione che l’azienda non sembra sia intenzionata ad affrontare, il che può portare a rischi – reputazionali, normativi, e di altro tipo”, ha detto Scott Stringer, il Comptroller di New York che gestisce circa 895 milioni di dollari di azioni di Facebook attraverso i fondi pensione della città.

Gli investitori si stanno apertamente battendo per un cambiamento radicale su molti fronti, ma c’è un chiaro consenso su due temi specifici, che sono emersi in modo coerente nelle interviste con Business Insider:

  • Vogliono che Zuckerberg si dimetta dalla carica di presidente e che al suo posto venga assunto un dirigente indipendente.

  • Gli azionisti vogliono anche che la struttura azionaria dual-class di Facebook sia abolita perché ritengono che concentri troppo potere nelle mani di Zuckerberg e del suo team.

La maggioranza degli azionisti indipendenti ha votato a favore delle proposte volte a raggiungere questi obiettivi nelle ultime due assemblee degli investitori di Facebook. La rabbia si è scatenata alla riunione di quest’anno, dove Zuckerberg è stato accusato di guidare la società come una “dittatura”, mentre un altro azionista è stato cacciato dall’evento per aver sfogato il suo malcontento.

Alcuni azionisti hanno anche chiesto di dare più forza al comitato di revisione di Facebook, ma questo argomento è stato ampiamente affrontato questo mese, quando l’azienda ha rafforzato le responsabilità del comitato per includere l’impatto sociale, privacy e sicurezza informatica.

Facebook ha sminuito l’idea che si trattasse di una risposta a richieste esterne. Ma gli azionisti lo hanno interpretato come un segno che l’azienda stava ascoltando, ad un certo livello. E anche se è stata una vittoria, è stata una battaglia, non la guerra. Ora gli investitori vogliono che si compiano progressi sulle altre questioni.

Facebook ha rifiutato di commentare le critiche degli investitori. Un portavoce ha ricordato a Business Insider le dichiarazioni passate in cui si dice che la sua struttura di governance è adatta allo scopo.

Facebook si è certamente rivelata una scommessa abbastanza sicura per gli investitori. Le azioni sono cresciute di oltre il 400% dalla sua Ipo nel 2012, ilfatturato è salito a quasi il 1.000% a 40 miliardi di dollari, e ha 2,2 miliardi di utenti mensili attivi, pari a circa il 30% della popolazione mondiale. Nel frattempo, ha vinto le sfide con rivali come Twitter e Snap.

In molte altre aziende, gli azionisti avrebbero lodato la gestione di Zuckerberg. Ma invece, vogliono indebolire la sua influenza.

Zuckerberg non risponde a nessuno

Michael Frerichs, il Tesoriere di Stato dell’Illinois, che ha circa 35 milioni di dollari investiti in Facebook, ha detto che gli azionisti vogliono rimuovere Zuckerberg come presidente per un semplice motivo: “Non è responsabile nei confronti di nessuno, non verso il consiglio o gli azionisti, il che è una cattiva pratica di corporate governance. È il capo di se stesso e chiaramente questo non ha funzionato”.

Frerichs si è coordinato con altri quattro azionisti, con interessi combinati in Facebook per un valore di circa 2 miliardi di dollari, per fare pressione per il cambiamento. Gli sforzi sono stati guidati dall’investitore attivista Natasha Lamb, un socio amministratore di Arjuna Capital, che ha detto che c’è “pochissima fiducia” nel lavoro che sta facendo Zuckerberg.

Attori del calibro di Apple, Google, Oracle, Twitter e Microsoft hanno tutti diviso il ruolo di presidente e Ceo, ha sottolineato Jonas Kron, senior vice president di Trillium Asset Management, che gestisce circa 10,5 milioni di dollari di azioni di Facebook per conto dell’organizzazione filantropica Park Foundation.

Kron ha detto che Zuckerberg dovrebbe guardare al suo modello e mentore Bill Gates. Gates ha diviso il ruolo di amministratore delegato e presidente quando ha lasciato come CEO di Microsoft nel 2000.

Al potere di Zuckerberg si aggiungono inoltre i suoi diritti di votoFacebook divide le sue azioni in due classi: Classe A e classe B. Quest’ultima ha 10 volte i diritti di voto della classe A, ed è così che Zuckerberg detiene il 75% di questo capitale. Ciò significa che ha più della metà del potere di voto su Facebook, e quindi il controllo quasi completo.

“Quando si riuniscono i due ruoli di presidente e Ceo, e il più quel presidente e Ceo detiene personalmente una partecipazione di maggioranza di quella società, questa è una combinazione tossica. Significa che c’è poco spazio per qualsiasi tipo di manovra”, ha dichiarato Michael Connor, direttore di Open Mic, un’organizzazione che aiuta la campagna degli azionisti per migliorare la governance di alcune delle più grandi aziende americane.

Il potere di Zuckerberg di passare sopra le preoccupazioni degli investitori è stato dimostrato negli ultimi 13 mesi. In occasione della riunione degli investitori dell’anno scorso è stata presentata una proposta per la sua destituzione dalla carica di presidente, che è stata rapidamente stroncata. L’analisi di Connor, tuttavia, mostra che è stata sostenuta dal 51% degli azionisti indipendenti.

La storia si è ripetuta a maggio in occasione dell’assemblea degli azionisti di Facebook del 2018. Gli investitori hanno presentato una proposta per abolire la struttura azionaria a due classi e, ancora una volta, è stata respinta. Tuttavia, i dati mostrano che la proposta è stata sostenuta da un numero di investitori indipendenti superiore all’83 per cento.

In altre parole, se Zuckerberg non è d’accordo con gli azionisti, ha sempre la carta vincente.

Patrick Doherty, direttore della corporate governance presso l’ufficio del Comptroller dello Stato di New York, che si occupa di oltre 1 miliardo di dollari in azioni Facebook, ha detto che si tratta di una struttura societaria che appartiene al passato.

Doherty ha spiegato: “L’idea che ci dovrebbe essere un autocrate a capo di una gigantesca società pubblica, che ha miliardi di dollari di denaro degli azionisti investito in esso, è un anacronismo. Risale al XIX secolo, quando c’erano i robber baron che erano autocrati e dittatori”.

Natasha Lamb ha fatto esperienza diretta della riluttanza di Facebook a impegnarsi. Ha fatto pressione su questioni, tra cui la retribuzione di genere, ma le sue richieste sono state liquidate dal capo delle comunicazioni Elliot Schrage alla riunione degli investitori del mese scorso come “non belle”. Lamb ha detto che si trattava di un’osservazione “sessista”, indicativa del fallimento di Facebook nell’ascoltare gli azionisti. Schrage più tardi si è scusato.

Ma vede una semplice ragione per cui Zuckerberg sarebbe riluttante ad abolire la struttura a due classi: Perché avrebbe “firmato la sua caduta”.

In una dichiarazione il mese scorso contro la proposta degli investitori di abolire la struttura azionaria, Facebook ha detto che le due classi di azioni sono in vigore dal 2009 – tre anni prima che l’azienda diventasse pubblica.

“Crediamo che la nostra struttura di capitale sia nell’interesse dei nostri azionisti e che la nostra attuale struttura di corporate governance sia solida ed efficace”, ha continuato Facebook.

Sulla prospettiva di rimuovere Zuckerberg come presidente, l’azienda ha detto che questo causerebbe “incertezza, confusione e inefficienza nel consiglio di amministrazione e nella gestione dell’azienda”.

Alcuni azionisti hanno detto a Business Insider che queste giustificazioni sono in conflitto con la sostanza del tour di scuse di Zuckerberg dopo che Cambridge Analytica ha usato i dati avuti da Facebook come arma per scopi politici.

In particolare, il Ceo ha affermato che “non abbiamo assunto una visione sufficientemente ampia della nostra responsabilità, e questo è stato un grave errore” in riferimento a notizie false, ingerenze elettorali e privacy dei dati. Gli azionisti con i quali abbiamo parlato hanno concordato all’unanimità che una diversa struttura di governance avrebbe aperto gli occhi di Zuckerberg sulle insidie del suo mantra “move fast and break things”, che Facebook ha ora fatto saltare.

Leggi anche: L’uomo responsabile di metà di Internet, e che non potrà mai essere licenziato, dice che sta imparando dai suoi errori. Speriamo

“Quando ci si apre a più opinioni e voci indipendenti, è più probabile che si prendano decisioni migliori. È più probabile che qualcuno con una governance indipendente avrebbe parlato di alcune di queste cose”, ha detto il Tesoriere di Stato dell’Illinois Frerichs.

Gli investitori continueranno a protestare

Gli investitori non smetteranno di ricordare a Zuckerberg le sue responsabilità. Continueranno a presentare proposte alle assemblee annuali degli azionisti, scriveranno lettere stridenti ai direttori di Facebook, si confronteranno con la direzione attraverso riunioni e altra corrispondenza e faranno conoscere le loro frustrazioni alla stampa.

Ma Dylan Sage, l’amministratore delegato di Baldwin Brothers, pensa che ci vorrà qualcosa di significativo perché qualcosa cambi a  Facebook. Un calo sostanziale delle entrate o degli utenti potrebbe provocare disordini nel consiglio di amministrazione, ha suggerito, o la questione potrebbe essere tolta di mano all’azienda.

“Se continuate a vedere più casi Cambridge Analyticas, o il coinvolgimento di Facebook in elezioni distorte, o l’aumento dei crimini di odio in tutto il mondo, allora vedrete che gli organismi di regolamentazione entreranno e obbligheranno l’azienda a cambiare”, ha aggiunto.

Dopo lo scandalo di Cambridge Analytica ha venduto molte delle sue azioni di Facebook, ma ha ancora circa 2,8 milioni di dollari investiti nell’azienda.

In definitiva, tutti gli investitori sono d’accordo nel volere il meglio per Facebook.

Abbiamo a cuore gli interessi dell’azienda perché siamo un grande investitore”, ha dichiarato Doherty. “Al momento abbiamo investito oltre 1 miliardo di dollari in Facebook, quindi noi e gli altri investitori che si presentano crediamo che Facebook continui ad essere un buon investimento, ma ci sono problemi molto seri che devono essere affrontati“.

“In qualità di investitori a lungo termine in Facebook, vogliamo assicurarci che l’azienda sia forte”, ha aggiunto Stringer.

Frerichs ha aggiunto: “Si tratta di garantire la redditività a lungo termine della società e, con i cambiamenti nella corporate governance, possiamo ridurre alcuni dei rischi“.

Connor, che non ha una partecipazione in Facebook, ha ricordato a Zuckerberg che le aziende tecnologiche non sono invincibili, anche se a volte sembrano intoccabili.

“La gente pensa che le aziende come Facebook siano a prova di proiettile, e non lo sono”, ha detto. “Avete visto aziende come Aol e Yahoo nascere e morire. Ci sono persone come Travis Kalanick, co-fondatore e Ceo di Uber, che sono passati dalle stelle alle stalle in poche settimane. Queste cose possono autodistruggersi”.

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo