Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Scienza e Salute

Biologia. Dall'Antartide a Marte

I microrganismi contenuti nelle brine del Polo Sud potrebbero aiutarci a comprendere la fattibilità della vita su altri pianeti

9 Luglio
09:00 2018

Un team di ricerca italiano - del quale fa parte anche l’Istituto per l’ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iamc) di Messina, oltre alle Università dell’Insubria, di Perugia, di Bolzano, di Trieste, di Venezia e della Tuscia - ha studiato in Antartide le brine, liquidi molto salati, in cui prosperano microrganismi che si sono adattati a vivere in crio-ecosistemi (sistemi estremi caratterizzati da basse temperature). Lo studio è stato condotto in un lago perennemente ghiacciato di Tarn Flat, nella Terra Vittoria, dove sono state rinvenute due distinte comunità di funghi in due strati di brine, separati da un sottile strato di ghiaccio di 12 cm. I risultati ottenuti sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

Quanto evidenziato rende possibile ipotizzare una prospettiva di vita anche in ambienti analoghi, quali le lune ghiacciate del Sistema Solare o Marte. L’ipotesi che possa esistere una qualche forma di vita in ambienti extraterrestri è legata al fatto che vi sia stata rilevata la possibile presenza di brine, come in Antartide”, spiega Maurizio Azzaro del Cnr-Iamc, coautore dello studio. “I crio-ecosistemi sono studiati per comprendere come queste realtà funzionino sulla Terra e quali potrebbero essere le fonti di energia in grado di consentire la vita in analoghe condizioni estreme. Ancora non sappiamo se nelle brine di altri pianeti del sistema solare ci siano microbi ma per studiare la possibile abitabilità di tali sistemi extraterrestri, in futuro, si potrebbero impiantare microbi terrestri”.

Per studiare in maniera più approfondita le brine di alcuni laghi perennemente ghiacciati, quest’anno un gruppo di ricercatori partirà per il Polo Sud, nell’ambito del “Programma nazionale di ricerche in Antartide” (Pnra) finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nonchè attuato dall’Enea per quanto concerne gli aspetti logistici e dal Cnr per la programmazione e il coordinamento scientifico.

La missione comincerà a Novembre, durerà circa un mese e riguarderà i crio-ecosistemi (già studiati in due passate spedizioni scientifiche del Pnra, nel 2014 e nel 2017) che sappiamo ospitano brine in forma liquida. Inoltre, ci avvarremo del geo-radar per individuare altri laghi che possano racchiudere brine”, prosegue Azzaro.

Concludendo, “bisognerà perforare i laghi ghiacciati con un carotatore, quindi le brine saranno prelevate sterilmente per essere trattate e analizzate nei laboratori della stazione scientifica italiana Mario Zucchelli. Cercheremo quindi di isolare e caratterizzare in laboratorio i ceppi microbici presenti, ricorrendo sia a metodi colturali sia a estrazione del Dna della componente procariotica (batteri e archeobatteri) ed eucariotica”.

L’obiettivo di questi studi è aumentare le conoscenze sulla vita microbica in ambienti estremi e capire come possa essere sostenuta nei crio-ambienti terrestri, per acquisire elementi utili a ipotizzare sistemi analoghi in altri mondi ghiacciati dell’Universo.

Ufficio Stampa CNR

In copertina: indagine georadar in un lago perennemente ghiacciato in Antartide (foto Dalle Fratte © PNRA)
In chiusura: campo scientifico in un lago perennemente ghiacciato di Tarn Flat (foto Baio © PNRA)

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus