Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Lettere al Direttore

Torino - Anche i fiori pagano le tasse!

Permessi comunali per abbellire l'attivitą commerciale

29 Luglio
14:00 2018

A proposito di Commercio, e di negozi sotto casa , se un titolare vuole vedere un po' di verde vicino al proprio negozio deve acquistare vaso, terra e pianta, e poi annaffiarla per non farla seccare! 

 

Ma non basta!

 

Deve anche chiedere il permesso al Comune, e pagare l'occupazione di suolo pubblico (TOSAP) . 

Anche se la pianta può morire, e il vaso diventare pieno di cicche di sigarette, o usato come urinatoio dai passanti. 

 

Risultato? Meglio non mettere il vaso con la pianta, ma aspettare che il "verde" lo metta il Comune molto impegnato con migranti, nomadi, Rom, e balordi di ogni genere! E la pianta?  Alla fine non la mette nessuno!

 

Marino Bertolino

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Carissimo Sig Bertolino, ornare con i fiori la soglia del proprio esercizio commerciale serve sicuramente per abbellire la città e, nello stesso tempo, richiamare l'attenzione dei passanti.

 

L'importante è seguire le normative dettate dal buon senso, il che vuol dire non invadere i marciapiedi con improvvisati "giardini" che creano difficoltà al passaggio, ma nello stesso tempo mi pare inopportuno criminalizzare l'operato di chi desidera semplicemente arricchire i colori di una città sempre più spenta, specie nelle attività commerciali che si stanno esaurendo giorno dopo giorno.

 

Porre fioriere o vasi, di giorno o negli orari di apertura, vuole anche dire controllo del territorio, prevenzione verso coloro che li usano come orinatoi o quant'altro.

 

Certo le regole ci sono, ma si risolvono nell'ennesima tassazione che scoraggia i commercianti, già alle prese con il precario bilancio quotidiano.

 

Se aspettiamo il Verde pubblico, l'impresa è disperata viste le condizioni in cui si trova la città in balìa atmosferica fin dal primo acquazzone stagionale: le priorità ci sono, come quella di affidare un consapevole abbellimento che ogni esercente è pronto a sostenere a proprie spese senza l'ennesima gabella comunale.

 

Il controllo non deve essere penalizzante, bensì partecipativo: i tributi, comunque, colpiscono e colpiranno sempre ogni nuova iniziativa che non si assoggetti in maniera preventiva al volere di chi amministra la Città. 

      

 

     

        Civico20 News     

 Il Direttore responsabile                                    

        Massimo Calleri       

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo