Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Web Tax europea: una legge provvisoria entro il 2018?

Intanto si parla anche di tassare la vendita dei dati

3 Settembre
08:00 2018

Si torna a parlare di Web Tax europea, che nelle dichiarazioni di numerosi rappresentanti dell’Unione sembra un traguardo da tagliare entro il 2018. A margine del lavoro della Commissione per gli Affari economici e monetari del Parlamento europeo, che sta lavorando al testo della proposta, è stata suggerita un’interessante “variazione sul tema”. Secondo Il Corriere delle Comunicazioni in futuro l’imposta potrebbe essere applicata anche ai ricavi sulla vendita dei dati. Senza dubbio, alla luce di quanto i Big Data si stiano configurando come materie prime di questo XXI secolo, si tratta di una felice intuizione: in un’economia che vuole essere il più possibile personalizzata sul consumatore come individuo, possedere più statistiche e dati dei concorrenti permette un vantaggio. Bene dunque dare un valore alle informazioni che l’utente fornisce gratuitamente alle piattaforme digitali.

 

Intanto l’obiettivo è ormai quasi definito: una tassa del 3% sui proventi dai servizi che offrono le aziende digitali con più di 50 milioni di euro. Anche se dalla commissione pare che la percentuale potrebbe aumentare. I progetti di relazione dovranno essere presentati il 9 Ottobre mentre saranno sottoposti al voto il 3 Dicembre.

 

L’Unione europea punta ad adottare entro fine anno una formula “provvisoria” che tasserà i ricavi dei colossi di Internet. Intende inoltre affrontare entro il 2020 l’impatto generato dalla transizione all’economia digitale sul sistema fiscale internazionale.

 

L.V.C.

(Immagine di copertina mutuata da Guida Fisco)

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus