Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Locale

Terreni di Stato a coppie che avranno il terzo figlio

“Il podere al popolo”, originale proposta del ministro Centinaio per ripopolare le campagne abbandonate con nuova vita

4 Novembre
09:00 2018

Nella bozza di disegno della legge di bilancio, per incentivare l’aumento della popolazione nelle zone rurali, il governo cede in concessione gratuita per almeno vent’anni, terreni demaniali a quelle famiglie che, negli anni 2019, 2020, 2021, avranno procreato il terzo figlio. La notizia, ironicamente battezzata “il podere al popolo” si rincorre sulle tivù e rimbalza allegramente sui social network.

 

Gian Marco Centinaio (lega Nord), Ministro delle politiche agricole, l’ha pensata bella. L’invito a mettere in cantiere un terzo figlio per chi già ne ha due, con terra promessa in cambio di natalità, suona come un invito ad impegnarsi nel “darsi da fare” nelle lunghe notti d’inverno. Il premio per il lieto fine è una porzione di "terra a vocazione agricola" o "di proprietà demaniale", e mutui a tasso zero sino a €. 200 mila erogati da un Fondo apposito presso il Ministero, per acquistare una casa nelle vicinanze del podere conquistato sul campo.

 

Il beneficiario della agevolazione sarà un giovane imprenditore agricolo, disposto a trasferirsi con la famiglia nella nuova terra, da inseminare anch’essa. La proposta erotico-rurale pare originale e ben confezionata, sia per promuovere un ritorno alla terra, sia per incentivare la ripresa demografica. (Iniziativa che riporta alla mente bonifiche nell'agro pontino, in Maremma e non solo, operate in quel ventennio fascista che, in fondo, qualche buon latifondo, lo ritagliò per il popolo anche allora...).

 

In teoria, gli attrezzi per l’una e l’altra cosa non mancano, ma la notizia, ad oggi, presenta contorni vaghi. La "terra a vocazione agricola" o "di proprietà demaniale" andrebbe già da subito dichiarata per appezzamento e dove, poiché ce n’è di fertile e redditizia, altra meno fruttifera e avara. Senza un podere d’un certo valore il rischio è di ritrovarsi con una terra senza prospettive di lavorabilità, e perciò, con una bella fregatura.

 

Valore medio dei terreni in Italia.Fonte Coldiretti, da: Il Corriere della Sera

 

La proposta presenta qualche altro rischio. Vista l’aria che politicamente tira, si mettesse mai il terzo bimbo in cantiere e poi il governo dovesse cadere? Certo tutti i figli sono un dono di Dio, ma anche gli ettari hanno la loro bella importanza.

 

Infine, a notizia giunta, è l'entità del Fondo istituito presso il ministero: 5 milioni per il 2019, che diviso € 200mila, fa 25 . Quindi, la legge prevede 25 freschi marmocchi per 25 nuove famiglie da campo. E qui sorge una domanda: se ad appassionarsi al progetto, le coppie fossero di più? Magari un Centinaio?

 

Nel frattempo, in attesa di notizie più precise dal governo e dal catasto, forse “volersi bene” nelle notti d’inverno, è meglio farlo seguendo il sentimento e l’impulso amoroso, ancorché per concludere un affare, anche se una cosa non esclude l’altro.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo