Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Di tutto un po'

Sia a Natale che a Capodanno scambiamoci un bacio con le persone amate, si ma sotto il vischio per assicurarci la buona sorte

28 Dicembre
09:00 2018

Si avvicina l'ultimo giorno dell'anno, la notte di San Silvestro  in cui si è soliti compiere riti tradizionali al fine di assicurare per se  ed i propri cari una buona dose di fortuna. Ecco i principali che buona parte di noi compirà nel momento in cui si troverà seduto a tavola,  che la Tradizione vuole sia riccamente imbandita e decorata. Fra i vari alimenti che verranno serviti ve  ne sono alcuni il cui compito è quello di veicolare la buona sorte ai presenti e, fra questi, non mancheranno le lenticchie e l'uva, ma la magia di questa particolare serata,  comincia dal modo in cui ci si veste.

Per prima cosa è una antica consuetudine indossare almeno un indumento di colore rosso, attribuendo a questa tonalità, il potere  di allontanare tutte le negatività, favorendo il successo in amore. Le origini di questa tradizione sono poco chiare, ma si ritiene che la credenza venga fatta risalire fino ai tempi degli antichi romani, che avrebbero indossato vestiti rossi per evitare guerra e spargimenti di sangue. Chi si occupa di Magia sa che il colore rosso presiede  agli incantesimi relativi all'amore,alla passione,al coraggio,alla  combattività, alla forza,ed alla sessualità e, specie per quest'ultimo motivo, è consigliato di indossare biancheria intima di un intenso colore rosso. L'indumento deve essere  nuovo  e ricevuto in regalo, per poter esercitare al massimo la sua influenza positiva. Inoltre, un dato da non ignorare, è che il rosso è il colore della Pietra Filosofale che, garantivano gli antichi filosofi, assicura a chi la ottiene, una vita serena e libera dalle malattie.

Anche l'abitudine di servire le lenticchie a mezzanotte ha origini diverse e molto antiche. Secondo alcuni questi legumi simboleggiano la longevità perché sono molto robusti e in grado di poter essere conservati a lungo. Un'altra teoria vuole che le lenticchie assicurino un buon apporto di denaro, per via della loro forma,  che ricorda le monete antiche. Ancora viene suggerito, quando scocca la mezzanotte, di mangiare dell'uva, almeno dodici acini, uno per ogni mese dell'anno nuovo, da sempre un simbolo legato alla prosperità ed alla  fortuna. L'effetto sarà ulteriormente potenziato se, in compagnia del proprio partner viene divisa una melagrana, frutto simbolo di fedeltà e fertilità.

E' ancora viva, in diverse parti d'Italia e in particolare nelle grandi città come Napoli e Roma, l'abitudine di gettare via lanciandoli dalla finestra a mezzanotte, gli oggetti divenuti ormai inutili come il vasellame e i servizi di bicchieri ancora tenuti in casa,ma non più utilizzati. Questo rituale simboleggia l'abbandono di tutto ciò che è diventato ormai inutile  e di cui è necessario liberarsi per allontanare dalle proprie mura ciò che di negativo, sia morale che spirituale, si è accumulato durante l'anno, per poter cominciare l'anno nuovo liberi da ogni energia avversa.

E' anche assai diffusa l'abitudine di baciarsi sotto il vischio, sia nella notte di Natale, che a Capodanno e la ragione è da ricercarsi nel fatto che il vischio è un simbolo di protezione ed amore, così il bacio sotto tale arbusto assume il significato di assistere gli innamorati, allontanando tutto quanto di negativo possa interporsi fra loro. Nei boschi il vischio è una pianta parassita che avvolge alberi, togliendo parte del loro nutrimento e rendendoli più deboli. Quindi come mai si attribuisce al vischio una azione  positiva?

E' un'abitudine antica, ricollegabile alla mitologia scandinava e ai riti dei Druidi, di cui troviamo traccia egli scritti di Plinio il Vecchio che, nella sua Historia Naturalis,  ci dice che "I Druidi non consideravano niente di più sacro del vischio e dell’albero su cui esso cresce, purché di tratti di un rovere. Già scelgono come sacri i boschi di rovere in quanto tali, e non compiono alcun rito religioso si non hanno fronde di questo albero.... "Il nome che hanno dato al vischio significa “che guarisce tutto”. Il carattere sacro e magico del vischio si diffuse attraverso l'Europa,  specie dal diciottesimo  secolo. In particolare , scambiarsi un bacio sotto il vischio fu una pratica comune in Gran Bretagna; secondo la Tradizione, vi sarebbe un potente effetto benefico nel baciarsi sotto questo arbusto fintanto che vi siano appese delle bacche.

Dopo essersi baciati, i due innamorati ancora oggi  faranno bene a strappare una delle bacche dalla pianta e così via per ogni altro bacio avranno piacere di scambiarsi. Una volta che tutte le bacche saranno  terminate, il ramo non avrà più il potere di imporre baci così, nella ricerca di un ramo di vischio da appendere, converrà assicurarsi che vi siano appese molte bacche.

Si tratta di riti simpatici e innocui, ma che serviranno ad affrontare con coraggio rinnovato e fiducia nella buona sorte, l'anno che dovremo affrontare nel momento in cui  si affaccia nella nostra vita, ignari di quanto ci aspetta, ma fiduciosi che potremo affrontare con esito positivo le prove che ci aspettano.Queste verranno facilmente superate  se avremo compiuto le azioni che antichi insegnamenti suggeriscono al fine di assicurarsi la benevolenza del destino che ci auguriamo non sia mai avverso.  

 

 http://www.weddedwonderland.com/why-do-we-kiss-under-the-mistletoe/

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo