Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Lettere al Direttore

Il Ministro Salvini con il Decreto Sicurezza ha scoperchiato la pentola dei Sindaci

Adesso si vedrà se il M5S difenderà il Ministro Salvini o se appoggerà i Sindaci buonisti

5 Gennaio
08:30 2019

Egregio Direttore,

 

con il Decreto Sicurezza il Ministro Salvini ha scoperchiato la pentola dei Sindaci, e loro amici politici PD, che sono favorevoli all'immigrazione senza limiti, senza regole e controlli, e con associazioni e cooperative che guadagnano tanti soldi! 

 

Migranti senza identità sbarcati in Italia in modo poco legale, e di cui non si sa nulla sul loro passato nei luoghi d'origine, e sul loro futuro nel ns Paese, dove la povertà di tanti italiani ha raggiunto livelli preoccupanti!  Se non ci sono più soldi per mantenere (e coccolare) i migranti, magari ospitati in strutture costose, è dovere del Governo di invitarli a ritornare nei loro Paesi, oppure, cercare un'altro posto nella UE dove ci sono più soldi e meno poveri! 

 

Ma visto che da noi stanno bene , allora scende in campo la Sinistra con i Sindaci che non vogliono perdere il flusso di soldi che arrivano da Roma!  Tenuto anche conto che i migranti ospitati in Italia sono in maggioranza persone giovani di sesso maschile che possono fare delle cose poco simpatiche alle persone di sesso femminile! 

 

Se poi andiamo a vedere l'aspetto religioso, i migranti sono quasi tutti islamici, e qui anche la Chiesa Cristiana dovrebbe fare più attenzione a quello che fa se non vuole perdere i fedeli italiani! 

 

Adesso si vedrà se il M5S difenderà il Ministro Salvini, o se appoggerà i Sindaci buonisti, creando una crisi nel Governo! Mentre a Torino giardini e parchi sono diventati fortini degli spacciatori africani!

 

Sindaci e politici che protestano le sanno queste cose? Visto quello che succede nelle ns città con i migranti irregolari!

 

Marino Domenico

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Carissimo Lettore,

 

ciò che Lei afferma accresce la mia perplessità su ciò che sta accadendo a proposito di un Decreto che è un atto scaturito dal Parlamento e quindi istituzionale avversato da alcuni rappresentanti istituzionali che lo contestano e dichiarano di non volerlo applicare.

 

Faccio fatica a capire come i Primi Cittadini di alcune città, coloro che indossano la fascia tricolore per capirci, si siano schierati contro una disposizione di legge che proviene dal Governo, da quella maggioranza che non veste il loro colore politico e quindi pensano vada ostacolata in ogni sua espressione.

 

Sono ulteriori rigurgiti di una sconfitta mal digerita, anzi ancora in fase di improbabile assorbimento.

 

Il problema della sicurezza è noto da tempo, ma non si era finora voluto compromettere un'operazione commerciale ed economica mal celata da una forma impropria di solidarietà sfociata nell'assistenzialismo.

 

Rotta difficile da seguire ora che il timoniere ha imposto una virata decisiva e determinante, ora che l'ordine ed il rispetto delle regole sono il filo conduttore della nuova politica sociale, vera e scevra di condizionamenti gratuiti ed opportunistici.

 

Il problema della Chiesa Cristiana è uno dei tanti che essa sta attraversando nell'ultimo periodo e che, in verità, dura da parecchio tempo.

 

Infine, quando si parla di causa ed effetto, ci sarà nuovamente un comodato di intenti con l'intervento del Quirinale che metterà d'accordo tutti facendo rientrare le illecite rimostranze di chi, appartenendo alle Istituzioni, ne rinnega l'operato del massimo livello.

 

Se non sarà così, ancora una volta il popolo dovrà subire le bizze di un groppuscolo dissidente in cerca di protagonismo: comunque, mi creda, la crisi di Governo non conviene a nessuno e tanto meno ad una sinistra, o similari, che vedono la verticale ed inarrestabile ascesa di chi, finalmente, pensa in primis alla tutela ed alla serenità del popolo italiano, sempre più bianco, rosso e ...... verde!

 

        

 

                Civico20 News     

       Il Direttore responsabile                                    

               Massimo Calleri       

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo