Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Altri Sport

Biliardo - Rivoli (TO): Aldo Squitieri, Nicola Rachello e Giuseppe Calenda vincono il 4° Torneo L'Accademia

Conclusa in via Cavour la kermesse territoriale a 5 birilli

da sx Francesco Sammartano, Raffaele Di Gennaro, Paolo De Francia, Nicola Rachello, Aldo Squitieri, Giuseppe Calenda, Massimo Pasin, Michele Santarella
8 Gennaio
12:00 2019

RIVOLI - Domenica 6 gennaio si è conclusa la quarta edizione del Torneo L’Accademia, gara territoriale organizzata dall’omonimo Centro Sportivo di via Cavour 42 A.

Circa 500 stecche del Circo Verde, suddivise in tre raggruppamenti, hanno dato vita alla kermesse che ha assegnato il primo gradino del podio a Aldo Squitieri (Pro –Nazionali – Master – 1°a cat.), Nicola Rachello (2a cat.) e Giuseppe Calenda (3a cat.).

Diretto da Mauro Daimo, il torneo ha preso il via lunedì 17 dicembre con le batterie eliminatorie che hanno determinato le volate conclusive verso il podio.

“Un tourbillon appassionante e seguitissimo dal pubblico in ogni sua fase”

ha sottolineato, fra l’altro, il Direttore di Gara al termine della manifestazione che si è disputata nella specialità 5 birilli con la formula 2 su 3, graditissima dagli atleti giunti da Lombardia e Liguria oltre che dal Piemonte.

Il tutto ha premiato l’impegno organizzativo di Michele Santarella, Presidente del sodalizio rivolese, e dei suoi collaboratori che non hanno trascurato il benchè minimo particolare.

Ma veniamo ai risultati del campo.

Aldo Squitieri, atleta della “Granda” in forza al Master Club di Cuneo, ha confermato il particolare momento di forma regolando nella finalissima Davide Geranio, portacolori del Diagonal Orbassano, con la sua condotta spumeggiante e ricca di contenuti tecnici.

La caratura dell’avversario ha avvalorato ancor più la prestazione di questo giovane che non è più soltanto una promessa ma una nuova presenza fra ….. le stecche d’autore. Subito dopo, terzi a pari merito, si sono classificati Arturo Albrito (Albrito Club Racca di Guarene) e Roberto Giordanino, alfiere del Borgonuovo di Settimo Torinese.

Nel contempo Nicola Rachello, stecca doc del Parella Torino, batteva perentoriamente Rosario Cotroneo dell’Elvis Games Asti ritrovando la condizione ottimale nell’incontro determinante. Un gradito ritorno alla posizione che gli compete e che mancava da tempo: uno stimolo in più per riprovarci.

La terza piazza ex aequo è andata al giovane Alessio Gabetti (Dlf Chivasso) ed a Marco Picena che difende i colori della Nuova Sala Joker di Imperia.

Infine Giuseppe Calenda dell’Ever Green Ciriè aveva ragione di Francesco Perna, compagno d’équipe di Squitieri, al termine di un match combattuto ed incerto; possiamo affermare che ha vinto chi ha interpretato meglio le occasioni che si sono presentate nell’arco dell’intero incontro.

Michele Frattaruolo (Kursal Torino) e Nicola Faragi, giocatore di casa Santarella, si sono spartiti il terzo posto sfiorando la finalissima.

Questo il rush della scalata all’Albo d’oro del Torneo, meta di grande prestigio da inserire orgogliosamente nel palmares personale.

La consegna delle coppe in palio ha concluso il cerimoniale di chiusura, condotto da Massimo Calleri Segretario regionale Fibis Piemonte, che ha vissuto gli interventi del Presidente de L’Accademia Michele Santarella, dell’Assessore allo Sport del comune di Rivoli Paolo De Francia e del Presidente Fibis Torino Raffele Di Gennaro dopo l’introduzione del Direttore di Gara Mauro Daimo.

La premiazione ha coinvolto il Consgliere comunale Francesco Sammartano, Socio del Club organizzatore e gran promotore del Biliardo Sportivo, e Massimo Pasin, Vicepresidente Vicario Fibis Torino.

Michele Santarella ha altresì consegnato a Aldo Squitieri un ulteriore riconoscimento consegnandogli il Trofeo Royal Pro Billard Cloth destinato al vincitore della categoria d’Eccellenza.

(Foto Pronzato: Dall'alto a sx Aldo Squitieri, Davide Geranio, Nicola Rachello, Rosario Cotroneo, Giuseppe Calenda e Francesco Perna al tiro - Il Direttore di Gara Mauro Daimo, Massimo Pasin e Massimo Calleri)

 

 

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo