Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

L'Apocalisse

Sensazioni liriche, policromie estemporanee

L'Apocalisse di Giancarlo Guerreri Foto Giancarlo Guerreri
20 Gennaio
09:30 2019

APOCALISSE

 

Di talp’intriso il suol, lento movea,

e di lombrici, carichi di Mondo,

che peso grande più sopportar potea:

tremarono le terre e ’l mar profondo.

 

 

Udiv’il rombo sordo di vulcani,

le grida e l’urli dell’umane genti,

dal magma risalivan su le mani,

eran le urla di poveri e potenti.

 

 

Il Sole d’un color che sa di morte,

bruciando con lo foco più rovente,

ardea tutte creature e lor sorte,

si spense, senza più lasciar né gente,

 

 

né altri che ancor fusser viventi.

I demoni gioivan sulla Terra,

ballando sul dolor delli Elementi,

urlandovi parol, ch’il core serra.

 

 

E venne poi la notte della morte,

che spense lo baglior del Sole stanco

ch’agonizzando vide la sua sorte,

e di colei che visse allo suo fianco.

 

 

E notte fu: la notte dell’inganno.

Il sogno della Vit’ allor si spense,

e visser solamente quei che sanno,

sapendo quel Saper, ch’altrì non danno.

 

 

E tenebre volaron sulla notte,

spengendo quelle Stelle sopra il cielo.

E tutto tacque. Il buco allora inghiotte,

nel centro di quel nulla, ch’è sol gelo,

 

 

portando nelle tenebre la pace,

che muta non si ode nel pensiero.

Rimase solo notte che si tace:

lo Spirito compreso, ebb’il Vero.

 

 

 

Bergeggi 18.01.19

Versi di Giancarlo Guerreri

Immagine di copertina: L'Apocalisse, acrilico su tela di Giancarlo Guerreri

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo