Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Scienza e Salute

E' stagione di influenza, una patologia di per se benigna, ma che può essere fonte di pericolo se trascurata o curata con farmaci inadeguati

29 Gennaio
12:00 2019

Il freddo della stagione invernale predispone alla possibilità contrarre facilmente malattie da raffreddamento; in particolare, sia la bassa temperatura che il contagio interpersonale, possono permettere l’insorgenza di banali raffreddori o dell'influenza, con la conseguente necessità di dover utilizzare farmaci antinfiammatori e decongestionanti per combattere il fastidioso corteo di sintomi da cui sono accompagnate queste affezioni. I decongestionanti, in particolare, sono in grado di permettere un rapido e temporaneo sollievo all’occlusione delle vie respiratorie, ma devono essere utilizzati con grande cura, poiché possono aumentare la pressione sanguigna e interferire con altri farmaci.

La persona con problemi cardiaci, ha maggiori probabilità di contrarre l'influenza, rispetto a chi soffre di affezioni croniche, e risulta pertanto particolarmente delicato di fronte ad infezioni virali come l'influenza, una patologia che può aggiungere ulteriore stress ad un organismo già reso più debole da una patologia cardiaca. Il mal funzionamento cardiaco, infatti, può influenzare la pressione sanguigna e la disfunzione cardiaca può aumentare le probabilità di essere soggetti ad un infarto o a un ictus.

I farmaci  decongestionanti sono fortemente vasocoscrittori, pertanto  la loro modalità di azione  può  far aumentare la pressione sanguigna a causa dell'effetto costrittivo esercitato sui circolo vascolare. I decongestionanti, in particolare, agiscono determinando una vaso costrizione che interessa  i vasi sanguigni del naso, il che aiuta a ridurre l'infiammazione in quella zona.

In seguito a somministrazione locale, la sostanza nebulizzata nelle vie nasali interagisce con i recettori della muscolatura liscia vascolare, facendo si che i capillari della mucosa si contraggano, riducendo il  calibro. Questo è un ottimo meccanismo per ridurre l'edema della mucosa e della conseguente secrezione di muco; di conseguenza il paziente alle prese con un forte raffreddore, potrà beneficiare di un sollievo temporaneo perchè, liberato dalla ostruzione esercitata dalle secrezioni avrà  ristabilito il normale flusso ventilatorio.

L'uso locale del farmaco è comodo e permette un sollievo immediato,  oltre a garantire un ottimizzazione dell'effetto terapeutico, poiché concentra il farmaco direttamente nella sede dell’infiammazione, ma chi soffre di pressione alta o di affezioni cardiache, l'ultima cosa di cui ha bisogno è proprio la costrizione dei vasi sanguigni, una condizione pericolosa che può determinare seri rischi  per la vita del paziente , potendo esacerbare o peggiorare una condizione preesistente di deficit di circolazione, specie a livello cardiaco.

Quindi, nei limiti delle proprie possibilità, conviene aspettare ad utilizzare farmaci che presentino le caratteristiche su indicate. Occorre anche considerare che l'influenza è facile da prevenire ed è possibile adottare alcune semplici misure anticipando l’insorgenza della malattia, per evitare gravi problemi in seguito.

Purtroppo dai familiari, specie genitori di bambini, talvolta vengono utilizzate strategie corrette, ma blande che possono proteggere dal contagio, risultano però scarsamente efficaci. E’ il caso del consiglio che tutti ci siamo sentiti ripetere di non uscire di casa con i capelli bagnati durante la stagione fredda, oppure di restare in casa se fuori le temperature sono eccessivamente basse; concetti sostanzialmente giusti, si, ma insufficienti.

L'influenza è una affezione che si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di Flugge, minute gocce di saliva vaporizzate, chiamate così dal nome del ricercatore che, per primo, le descrisse. Pericolosi per il contagio sono anche i colpi di tosse e gli starnuti, nonché il contatto, anche una banale stretta di mano. Per questa ragione è fortemente raccomandato di non frequentare luoghi affollati o  eventi che richiamano un pubblico numeroso

E' importante mantenere una corretta igiene personale, senza dimenticare di lavarsi regolarmente e frequentemente le mani con acqua e sapone o con i prodotti specifici, acquistabili in farmacia, nel caso non della possibilità di utilizzare un lavandino comodo, cercando di non toccare gli occhi, il naso e la bocca con le mani non lavate è la via preferita dai virus per diffondersi fra le persone.

Di fondamentale importanza è il cambiare frequentemente l'aria nell'ambiente in cui si deve soggiornare e, se proprio non si è riuscito ad evitare il contagio, sarà bene restare a casa, a letto, proteggendosi dagli abbassamenti della temperatura, rimanendo al caldo al riparo dalle correnti d'aria e dai contatti che possono trasmettere la malattia.

Già solo queste semplici indicazioni possono risultare utili nel praticare na buona prevenzione, abituando i soggetti più giovani a non decidere fin da subito l’utilizzo di farmaci che risolvono facilmente il sintomo, ma non curano e risultano, per i motivi sopra specificati, dannosi per la salute.

Infine, se si vuole essere sicuri di non contrarre l'infezione influenzale, è possibile prevenire l’influenza anche mediante l'utilizzo di vaccini specifici antinfluenzali, oppure combatterla  anche farmaci antivirali dotati di azione specifica contro i virus influenzali, nei casi  non sia  possibile utilizzare il vaccino a causa di controindicazioni. E' dirimente, in caso di dubbi, il consiglio del medico curante, che sarà in grado di fornire la migliore strategia terapeutica per affrontare una malattia tipica della fredda stagione, che di solito si risolve senza grosse difficoltà, ma che può riservare sorprese pericolose, se trascurata e curata con farmaci pericolosi per le controindicazioni che possono causare.

 

Alcune foto presenti in questo articolo  sono state tratte da internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in queste fotografie, o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: ariren26@gmail.com

Si provvederà alla cancellazione del contenuto  nel minor tempo possibile.

 

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo