Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Nazionale

Salvini ha decretato il Si alla TAV mettendo in minoranza i 5 Stelle

Il vero regista della operazione risponde al nome di Mino GIACHINO il più lucido politico piemontese.

3 Febbraio
08:00 2019

Le dichiarazioni rilasciate del vice presidente del Consiglio Matteo Salvini, nel corso della visita ai cantieri della TAV, oltre ad aver ottenuto ampio risalto sui giornali, hanno contribuito a scatenare reazioni scomposte e prive di cogito da parte dei grillini di Governo e di periferia.

Ma cosa emerge dentro la notizia?

Per la TAV l’opera più importante per rilanciare Torino e il Piemonte, venerdì è stata la giornata di SALVINI. Il Capitano come lo chiamano i suoi si è schierato nettamente per il SI anche se ha dichiarato la sua disponibilità a modificare il progetto della Linea da Torino all’imbocco del Tunnel. Così si potrebbe risparmiare 1 miliardo e più.

Questa proposta ha diversi padri, da Virano che da 13 anni segue l’opera prima come Commissario dell’Osservatorio, ora come direttore della TELT la società Italo Francese incaricata della costruzione .

Virano ne avrebbe parlato con la grillina Sottosegretaria Castelli e con Mino Giachino che la girò al Ministro Salvini in occasione del loro incontro al Ministero degli Interni.

Un altro dei padri è l’Ing. Arturo Artom amico prima di Casaleggio padre ora di Casaleggio figlio. Si dice che in questi giorni vi sia stato un incontro tra Artom e Giachino.

La variante proposta da Giachino consisterebbe nel destinare i soldi risparmiati, metà a lavori in Val di Susa e metà alla costruzione del Primo Lotto della Linea 2 della Metropolitana di Torino.

La giornata ci dice che i 5 Stelle sono ora in minoranza sia in Parlamento che tra la gente in quanto, ben quattro sondaggi dicono che gli italiani favorevoli all’opera sono passati, grazie al fortissimo impatto delle due Manifestazioni SITAV organizzate da Mino Giachino e dalle Madamine, dal 50% al 70%

Il vincitore assoluto di oggi a nostro parere è’ Mino Giachino che ha saputo usare il consenso della Piazza per portare Salvini e tutta la Lega giorno per giorno sempre più a favore dell’opera .

Giachino ha due grandi meriti , prima con le Madamine ha portato in piazza per due volte in due mesi, cosa mai capitata, oltre 30.000 persone a favore della TAV, Giachino ha usato per primo lo strumento della Petizione su Change.org , cosa che oggi stanno copiando in 4 o 5 politici piemontesi, per raccogliere oltre 110.000 adesioni alla Petizione.

Ma con la presa di posizione di Salvini, Giachino che dialoga col Capitano via sms, ha ottenuto la spaccatura dei 2 alleati di Governo.

Ora la TAV non potrà più saltare perché se Toninelli osasse chiedere un voto al Parlamento andrebbe sotto .

Giachino si sta meritando il riconoscimento di politico piemontese dell’anno perché come nel 2013 , senza essere parlamentare, portò la Autorità del Trasporti a Torino, ora sta portando la TAV a Torino e ai piemontesi.

A confermare di essere un uomo politico fuori dalle compromissioni e pertanto non molto amato dai forzaitalioti di Torino, l’altra mattina ha entusiasmato 300 ragazzi di un Liceo Torinese cui aveva spiegato l’importanza delle Infrastrutture e dei trasporti per rilanciare economia e lavoro.

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo