Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Economia e finanza

Le tasse federali per Amazon? Stanno a zero

Negli USA il colosso digitale paga zero tasse federali nel 2018. È quanto afferma l’Institute on taxation and economic policy.

20 Febbraio
08:30 2019

Secondo “Institute on taxation and economic policy” nel 2018, per il secondo anno consecutivo, Amazon non ha pagato tasse negli Stati Uniti, ricevendo invece un rimborso da 129 milioni di dollari. Anno in cui il colosso di Jeff Bezos ha registrato 800 miliardi di valore di mercato e profitti pari a 11,2 miliardi di dollari. Controsenso della riforma fiscale voluta da Trump, che ha abbassato l’aliquota massima dal 35 al 21. Come scrive Il Post: “nel caso di Amazon l’aliquota sui redditi societari, che negli Stati Uniti è del 21 per cento, grazie a queste detrazioni è scesa infatti fino al -1 per cento”. Ricorda sempre il giornale online che “lo scorso anno Amazon non aveva pagato tasse sui 5,6 miliardi di dollari di profitti”. Come ci è riuscito? A parte l’abbassamento dell’aliquota ha beneficiato “di detrazioni fiscali per i suoi grandi investimenti in ricerca e sviluppo, e di un sistema di compensazioni sotto forma di azioni per i suoi dipendenti – specialmente dirigenti – che vengono fatte rientrare tra le spese da sottrarre alle entrate, per ottenere il reddito imponibile”.

Ancora una volta si trova tradito il principio (di buon senso) di una tassazione progressiva, se si tiene conto che in media l’aliquota per la famiglie statunitensi è al 20%. Al netto che l’abbassamento della pressione fiscale, specialmente in Italia, può essere un modo per rilanciare l’occupazione e attivare un circolo virtuoso che innalzi i livelli di consumo, nel caso in esame è emblematico che le maglie della giustizia fiscale sembrino allentarsi man mano che il soggetto è sviluppato. Si pensi alla web tax europea, la cui necessità nasce all’indomani di alcuni casi importanti di sanzioni a danno di colossi della Rete che si erano appoggiati su tassazioni ultra-favorevoli di alcuni paesi dell’Unione.

 

L.V.C.

 

(Immagine in copertina tratta da Esperia TV)

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo