Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Scienza e Salute

Orbassano (TO) - All’ospedale San Luigi di Orbassano due giorni per parlare di oncologia

A cura della chirurgia oncologica e digestiva diretta dal professor Maurizio Degiuli

21 Febbraio
14:00 2019

Domani, venerdì  22 febbraio, e sabato 23 è previsto l’incontro dei direttori delle chirurgie e delle oncologie mediche della Regione Piemonte per discutere dello stato dell'arte del trattamento multimediale delle neoplasie del cardias e dello stomaco e per proporre uno studio randomizzato internazionale volto a confermare il ruolo della chemioterapia neoadiuvante anche nel tumore gastrico.

"L’incontro è volto ad approfondire il ruolo della chemioterapia preoperatoria nei tumori del cardias e dello stomaco

– spiega il professor Degiuli - che aggiunge:

"In particolare per i tumori dello stomaco l’efficacia delle chemioterapia somministrata prima dell’intervento non è così dimostrata, specie se i pazienti vengono poi operati con un intervento radicale che prevede l’asportazione meticolosa dei linfonodi situati attorno allo stomaco. Ci proponiamo dunque di proporre un nuovo studio, in collaborazione con altri centri nazionali e internazionali, in particolar modo dell’America latina, per verificare in maniera scientifica se serva o meno sottoporre i pazienti affetti da tumore dello stomaco ad una chemioterapia particolarmente impegnativa prima dell’intervento chirurgico".

Nella mattinata verranno anche presentate le più recenti novità sul trattamento personalizzato con terapia molecolare e immunoterapia. Il pomeriggio e la mattina di sabato si svolgerà l'incontro dei soci del Gruppo italiano di ricerca sul carcinoma gastrico (specialisti chirurghi, oncologi, anatomo-patologi e radiologi) che presenteranno i risultati di studi collaborativi multicentrici e discuteranno sulle nuove proposte di studio.

La chirurgia del San Luigi si è caratterizzata per una alta specializzazione sui tumori dell’esofago distale, del cardias e dello stomaco, oltre che a quelli colon-rettali, e rappresenta oggi un polo di attrazione regionale. Il professor Degiuli ha recentemente ricevuto un premio per la competenza e l’apporto alla conoscenza del carcinoma gastrico, dal capitolo Latinoamericano della International Gastric Cancer Association (Igca). Il premio è stato consegnato dell’associazione durante il quarto congresso mondiale che si è svolto a dicembre a Buenos Aires (immagine d'apertura).

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo