Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca

Regione Piemonte via il Ticket sui medicinali.

Estesa a sei mesi la validitą per le prestazioni specialistiche.

27 Febbraio
08:00 2019

Dal primo marzo i piemontesi non dovranno più pagare il ticket sui farmaci, in vigore dal 2002, inoltre si estende da due a sei mesi la validità delle ricette per prenotare le prestazioni specialistiche del servizio sanitario nazionale.

Due buone notizie che vanno nella giusta direzione: avvicinare sempre di più il servizio sanitario ai cittadini e rispondere alle loro esigenze. Con la decisione di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini, il Piemonte si unisce a Friuli Venezia Giulia, Marche e Sardegna tra le uniche regioni che non prevedono il ticket sui farmaci.

Di fatto si elimina una tassa sulla salute. Un’altra scelta resa possibile grazie al puntuale lavoro compiuto in questi anni sul sistema sanitario regionale.

Non meno importanti la Legge sulle politiche giovanili: Favorire l'aggregazione e l'associazionismo, promuovere l'educazione alla legalità, alla non violenza, alle tematiche di non discriminazione, incoraggiare la partecipazione ai processi decisionali della vita democratica.  

Al centro del provvedimento, finanziato con 350.000 euro l'anno, ci sono lo sviluppo di politiche coordinate con i Comuni e il mondo dell'associazionismo, la creazione di nuovi canali e di un sistema coordinato di informazione per agevolare la messa in rete delle conoscenze e la valorizzazione delle iniziative, anche attraverso l'istituzione di un Forum regionale giovani con un ruolo propositivo nella programmazione delle politiche.

Infine  La Legge “Promozione delle politiche a favore dei diritti delle persone con disabilità”, che fornisce, finalmente, un quadro di riferimento unico che sancisce i diritti imprescindibili delle persone con disabilità. Tra gli interventi previsti si mette in evidenzia il sostegno alle persone con disabilità nell’autodeterminazione e autonomia, la promozione della piena inclusione e della partecipazione effettiva in tutti gli ambiti della vita e delle condizioni di pari opportunità.

immagine: ilgiunco.net

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo