Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Libri

Chivasso (TO) - Presentazione di "Non bisogna dare attenzioni alle bambine che urlano"

Per il festival internazionale di letteratura "I Luoghi delle Parole"

6 Marzo
12:00 2019

Eleonora Antonioni e Francesca Ruggiero presentano - giovedì 7 marzo alle ore 18 presso la Biblioteca Movimente di Chivasso (P.le 12 maggio 1944, 8), per il festival internazionale di letteratura "I Luoghi delle Parole", la graphic novel "Non bisogna dare attenzioni alle bambine che urlano", Eris Edizioni, 2018. 
Nell’ambito dei festeggiamenti per la Festa della donna moderano le 
Teste di Medusa, il book club letterario.

 

IL LIBRO

 

Bambine per la scuola, per la famiglia che non le ha ancora viste crescere, ma che stanno crescendo, sono già ragazze che scoprono cosa gli piace e cosa non gli piace, che sanno cosa vogliono e cosa non sono disposte a sopportare. Ragazze che si arrabbiano, ma che quello che sono lo possono raccontare solo al proprio diario, uno spazio in cui essere se stesse senza paura del giudizio degli altri.

 

Tre ragazze che vanno nella stessa scuola negli anni '90, che passano i pomeriggi guardando la tv, scarabocchiando sul proprio diario su cui appiccicano foto e ritagli di riviste, che non si conoscono e che incrociandosi danno vita a una storia di formazione pura, corale, diaristica, leggera e pesante come solo quell'età sa essere.

 

LE TESTE DI MEDUSA 

 

Teste di Medusa è il bookclub più elettrico di Torino, fondato da Annalisa Menin, Marzia Allietta e Nicoletta Daldanise, che raccoglie intorno a sé un gruppo di lettrici e lettori e che collabora con le librerie indipendenti della città. Ogni mese accogliamo un ospite, una storia, un nuovo punto di vista su un tema scivoloso e urticante: ci chiediamo cosa significhi oggi parlare di femminile nei libri, ma anche nell’arte e nel cinema.

 

Ci immergiamo in questo mare vorticoso per sfatarne i luoghi comuni, lasciamo che le correnti ci portino verso rive che ancora non conosciamo e risaliamo a galla con un’alternativa nonsolorosa.

Leggiamo, raccontiamo e mangiamo storie. Siamo menti fluorescenti, elettriche e indipendenti.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo