Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Sport
Juventus

Pianeta Juve - Contro l’Udinese si scatena il giovane Kean

L'Analisi di Marco Rabellino

9 Marzo
18:00 2019

Allo Stadium la Juventus passeggia contro L’udinese, squadra molto imprecisa nei passaggi che sembra quasi impaurita dai bianconeri.
 

Al 9’ errore nel calibrare la verticalizzazione da parte del centrocampo friulano, Alex Sandro intercetta e scatta sulla fascia. Cross in area dove Kean, con un bel inserimento, sigla il gol del vantaggio.
Passano pochi minuti e ci prova Bernardeschi dal limite dell’area, ma il tiro finisce alto.

 

Al 39’ altro errore nei passaggi dell’Udinese. Kean prende palla e si invola in solitaria verso la porta. In area trova De Maio ma il giovane attaccante bianconero calcia di esterno in uno spazio ridotto verso il primo palo segnando una rete splendida.

Al 67’ ancora Kean protagonista. Lancio di Betancour, Kean e Ekong corrono verso il pallone. Sulla palla arriva prima lo Juventino e il friulano lo abbatte in area. Rigore assegnato e trasformato da Emre Can.
Quattro minuti dopo la Juventus passa ancora con il colpo di testa di Matuidi. Cross che arriva dalla trequarti e il francese in solitudine schiaccia in porta.

Partita chiusa con l’Udinese che non preoccupa, anche se da uno squillo all’84’ con il gol di Lasagna. L’attaccante friulano è bravo a segnare con un tiro in diagonale che batte Szczesny.
Certo che l’avversario non e’ stato adeguato alla forza della Juventus.

Friulani troppo timorosi e imprecisi. I bianconeri hanno passeggiato e riposato per la partita più importante.
La partita ha dato però segnali positivi anche da chi come Kean ha poco spazio.

 

Il giovane gioca una partita perfetta. È brillante, ha voglia di fare ed è già “grande”. Segna al primo pallone che tocca, il secondo gol è splendido per la sua difficoltà e poi si conquista anche il calcio di rigore che vale il 3-0.
Ottimo giocatore che pensa prima al dovere (i gol) e poi al piacere (le giocate). Viene sostituito da un giovane della primavera, Nicolussi Caviglia, per gli ultimi dieci minuti.

Ottima prestazione anche per Alex Sandro, che gioca bene sulla fascia e detta i tempi. Sbaglia pochi cross e difende bene. E’ una delle poche volte in cui la prestazione è ottima.
Betancour sublime nel comandare il centrocampo. Vero che la partita è facile ma lui disegna linee giuste e copre anche bene in difesa.

 

Buono anche Bernardeschi che copre tutta la trequarti, giocando per la squadra. Manca solo il gol che tenta di agguantare più volte.
Buono Matuidi. Ci mette sempre il fisico quando necessità. A centrocampo con lui diventa difficile passare. Oggi ci mette anche la testa per chiudere la partita. Lascia spazio a Dybala negli ultimi 20 minuti.

 

Emre Can non è ancora al top ma sta crescendo. Sigla il gol del 3-0 dal dischetto
Ottimo Spinazzola che spinge bene anche sulla fascia che non gli compete. Si fa trovare pronto e la sua prestazione è tra le migliori.
Szczesny viene chiamato in causa poco. All’inizio si arrabbia con Rugani per alcuni errori e sul gol preso sono più i meriti di Lasagna.

Rugani inizia male con alcuni errori di concentrazione, poi si riprende ma non siamo ai livelli di Bonucci o Chiellini come ormai dovrebbe essere.
Ritorna in campo Barzagli che gioca poco (20’) prima di farsi nuovamente male, ma gioca bene quasi non abbia mai subito infortuni.

 

Infine Bonucci che entra al posto di Barzagli e si trattiene per non stancarsi in vista dell’Atletico.
Dopo l’allenamento ci sta il riposo per prepararsi bene per affrontare i Colchoneros e rimontare i due gol presi in trasferta.

 

Marco Rabellino
 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo