Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

12 marzo 1870. La prima volta dell'Italia in Africa

Il 12 marzo 1870 Raffaele Rubattino acquistò, per conto del Regno d'Italia, la baia di Assab per assicurarsi la nuova via commerciale verso le Indie

11 Marzo
15:00 2019

Con l'apertura del canale di Suez nel novembre 1869 le grandi potenze europee iniziarono a guardare al Mar Rosso come nuova via verso le Indie. Nel mentre la navigazione a vapore andava sempre più sostituendosi a quella a vela inducendo quindi le potenze marinare alla ricerca di nuovi approdi e rifornimento lungo la nuova rotta. La nuova via verso le Indie accorciava la durata del viaggio: agli inglesi, per esempio, da 26-28 giorni a 15.

Per i nuovi approdi l’Italia inizialmente pensò all’isola di Socotra nell’oceano Indiano davanti al Corno d’Africa (poi occupata nel 1876 dagli inglesi a tale scopo) ma venne considerata inadatta. Gli inglesi, dal canto loro, avevano già approntato come scalo Aden, nell’attuale Yemen, che affacciava sull’omonimo golfo all’imboccatura del Mar Rosso, e una volta acquisito il primato non volevano certo perderlo.

Nel Mar Rosso il governo italiano, non potendo ufficialmente prendere possesso di porzioni di litorale africano, incaricò, per segreto verbale, il missionario ex lazzarista Giuseppe Sapeto di Carcare (Savona) di acquistare la baia di Assab per seimila talleri di Maria Teresa, nel novembre 1869.

Per l’acquisto venne usato il tallero del 1780 in quanto era all’epoca la moneta utilizzata per i commerci internazionali e fu, tra l'altro, la prima moneta ufficiale dell’Etiopia.

Incaricati della consegna dei seimila talleri insieme all’ex religioso Sapeto, il contrammiraglio, seppur in borghese, Alfredo Acton e il buon commerciante Raffaele Rubattino. Sapeto aveva dismesso l’abito talare nel 1862 e non era certo quello che potremmo definire uno stinco di santo: di imprese simili ne aveva già portate a termine sotto la bandiera francese grazie ad intese dirette con Napoleone III.

L’ex religioso, barba lunga e turbante, aveva già esposto un suo progetto coloniale nel 1866 alla Camera di Commercio di Genova e lo propagandò così tanto che riuscì nel 1869 a farsi ricevere da Re Vittorio Emanuele II il quale gli fece incontrare il giorno dopo il Ministro degli Esteri Menabrea ottenendo l’incarico di “scegliere il luogo più conveniente, sotto l’aspetto militare e commerciale, a stabilimento di colonia”.

L’ex lazzarista in Italia era quello che potremmo definire il maggior esperto dell’Abissinia.

Era stato inviato già nel 1862, su incarico del nostro ministero dell’Agricoltura Industria e Commercio, nel Mar Rosso per compiere studi circa i possibili vantaggi dell’apertura del Canale.

Giunto a destinazione, a bordo del Nasser Megid, una delle prime navi ad attraversare il canale di Suez, l’esperto di “cose africane” acquistò da due sultani Dankali dell’Aussa Berehan, i fratelli Ahmad, e per conto di Raffaele Rubattino di Genova, amico di Nino Bixio, una porzione di costa proprio davanti allo stretto di Bab el-Mandeb, la porta delle lacrime, nome dovuto alla pericolosità delle acque.

Rubattino, senza barba ma con sguardo severo, era il medesimo che diede nel 1857 a Carlo Pisacane il vapore Cagliari per la spedizione di Sapri e che “si fece rubare” nel 1860 da Giuseppe Garibaldi le navi Piemonte e Lombardo per la spedizione delle mille camicie rosse.

Dieci anni dopo il “prestito garibaldino”, nel marzo 1870, con il piroscafo Africa comandato dal baffuto Ammiraglio Acton, ma in borghese, Rubattino iniziava quindi la nuova rotta per le Indie da Genova a Bombay, allargando così anche gli interessi commerciali della sua attività fino all’Abissinia.

Dal 12 marzo 1870 il Tricolore sventolò per la prima volta in terra d’Africa salutato da una salva di 21 colpi di cannone del piroscafo Africa.

Rubattino, con successivi contratti stipulati il 30 dicembre 1875 e il 24 maggio 1880, personalmente finanziati da Vittorio Emanuele II, acquistò prima l’arcipelago Darmakieh e dopo tutte le altre isole comprese nella baia di Assab dal capo Lumah, a nord, al capo Synthiar, a sud, e tutto il litorale compreso tra i due promontori. Rubattino entrò così in possesso di un tratto di costa lungo 66 km e largo dai 2 ai 6 km comprendente i villaggi di Alali, Macaca, Assab e Margableh.

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo