Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

«Da sbirro a investigatore», a Roma

La presentazione del libro di Giulio Quintavalli si terrà presso l’Istituto del Nastro Azzurro come 7° incontro del 4° ciclo dei «Mercoledì del Nastro Azzurro»

16 Marzo
10:00 2019

Al fine di contribuire alla diffusione dell’informazione, “Civico 20 News” ospita la locandina di questo evento culturale.

A Roma, mercoledì 20 marzo, presso la Sala Convegni dell’Istituto del Nastro Azzurro, in piazza Galeno n. 1, dalle ore 16:30 alle 18:30, si terrà il 7° incontro del 4° ciclo dei “Mercoledì del Nastro Azzurro”.

Partecipa Giulio Quintavalli, autore del libro “Da sbirro a investigatore. Polizia e investigazione dall’Italia liberale alla Grande guerra”, vincitore del X Premio “Generale di Divisione Amedeo De Cia”.

Questi gli argomenti affrontati: le pratiche di detection e la Polizia del Regno nella seconda metà dell’Ottocento (polizia politica, anarchismo, leggi illiberali); i nuovi “ferri del mestiere” di inizio ‘900 (la Scuola di polizia scientifica); la Polizia nella Grande Guerra (fronte interno, censura, abigeato, intelligence, presidio del territorio); l’investigazione politica nel Dopoguerra (baluardo alla violenza politica).

Con l’occasione, Marco Nocella presenterà il proprio volume: “I Ragazzi del ‘99 in Provincia di Latina”.

Modera il dottor Alberto Valentinetti, Dirigente Generale Polizia di Stato.

Giulio Quintavalli, laureato in Storia e Società, da anni in servizio all’Ufficio Storico della Polizia di Stato. Ricercatore, saggista e autore di articoli tematici pubblicati dall’Ufficio Storico, da vari periodici - anche online -, dai “Quaderni CEDOS” (Centro Documentazione Storica) della Kellerman Editore. Vive a Roma.

Marco Nocella, laureato in Storia e Società presso l’Università Roma Tre, è autore di un interessante saggio su questi poco noti “giovani protagonisti” della Grande Guerra nativi dell’Agro Pontino, dove vive; una interessante ricerca tra storia militare, storia sociale, storia locale e della memoria pubblica.

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo