Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Locale

Torino “SITAV SILAVORO Per il PIEMONTE nel cuore”.

Mino Giachino e Gianluca Vignale presentano la lista civica che da oltre 5 mesi polarizza l’attenzione dei Piemontesi

12 Aprile
08:00 2019

Il centrodestra sta recuperando gli iniziali tentennamenti nella scelta del candidato presidente al Governo regionale.

Così Alberto Cirio non perde tempo e lancia lo slogan “Un’altra velocità per il Piemonte”

A ragion veduta perché, oltre ai partiti storici che compongono la coalizione di  centrodestra, potrà contare sulla lista civica che è già riuscita a portare in piazza Castello dal 10 novembre ai giorni scorsi, ondate di oltre 30000 cittadini in ogni occasione, con oltre 43 sigle di organizzazioni di datori di lavoro e sindacati mobilitate.

Ieri Mino Giachino, lo storico ideatore e propulsore della battaglia SITAV, SI LAVORO e Gianluca Vignale, già consigliere regionale,  sempre presente in ogni situazione volta a portare all’attenzione  problematiche sottovalutate o ignorate dalla Giunta Chiamparino, hanno presentato la lista civica “SITAV SILAVORO Per il PIEMONTE nel cuore”, a sostengo di Alberto Cirio. 

Nella sede torinese di Energie per l'Italia, Giachino ha richiamato l’attenzione dei media, ripercorrendo” gli insuccessi delle Amministrazioni degli ultimi vent’anni, sostenendo che con ” SITAV SILAVORO Per il PIEMONTE nel cuore”,  occorre cambiare radicalmente. Conoscenza dei problemi e competenza al primo posto!

Negli ultimi 20 anni, prosegue Giachino, il Piemonte per la prima volta nella sua Storia cresce meno della Media Nazionale e perde oltre 10 punti rispetto a Lombardia e Emilia.

Le Amministrazioni cittadine e regionali non lo capirono a suo tempo, colpevolmente.

Se lo avessero capito avrebbero potuto chiedere a gran voce di accelerare la TAV, la linea 2 della Metropolitana e altre scelte ...”

 

Quale situazione dovremo affrontare nei prossimi mesi?

“Ci troviamo nel 2019 con la recessione.

Quest’anno il segno rischia di essere negativo e la TAV , se non sorgeranno altri intoppi,  arriverà purtroppo solo a fine 2029. La FIAT è in calo e le norme del Governo la penalizzano”.

Giachino si sofferma, con dovizia di dati, sui programmi particolareggiati sui quali nei primissimi giorni di attività, la nuova giunta dovrà misurarsi.

 

Gianluca Vignale ha soffermato la sua attenzione sulle periferie e i centri periferici che  spesso lottano per le briciole.” I piccoli comuni con i loro sindaci e amministratori volontari, prosegue Vignale, attendono con ansia i rari bandi regionali che li riguarda e solo se saranno fortunati toccherà a loro. Chiediamo alla politica regionale di fare un salto di qualità, invertendo o comunque armonizzando gli equilibri e spostando l’attenzione da Torino e dai pochi salotti fino ad ora valorizzati verso tutte le periferie, per riscoprire un patrimonio vitale e ricco da valorizzare ed esaltare”.

Con particolare attenzione a Sanità, Politiche sociali, sostegno all’impresa e alle famiglie.” Troppi i piemontesi sostiene Vignale, che non hanno una sanità adeguata, troppe le imprese dimenticate, assolutamente assente una politica a sostegno delle famiglie e della natalità, dimenticati molti territori.”

 

Da venerdì i responsabili della lista civica” ” SITAV SILAVORO Per il PIEMONTE nel cuore” dovranno raccogliere, alla presenza di un notaio, le firme di oltre 10000  cittadini elettori in tutta la regione.

 

Dalle prime informazioni risulta che Giachino sarà capolista a Torino di “Sì Tav Sì Lavoro per il Piemonte nel cuore”, seguito dal cardiochirurgo Piero Abruzzese, e da Vignale in terza posizione.

In conclusione le  dichiarazioni emblematiche "Vogliamo rappresentare - ha spiegato Giachino, il mondo del lavoro e dell'impresa, avendo come priorità le infrastrutture, ovviamente a partire dalla Torino-Lione".
"Vogliamo dare voce al Piemonte dimenticato - ha aggiunto Vignale - quello dei piccoli Comuni, delle periferie e della Sanità, che negli ultimi anni sofferto la perdita di 1.600 dipendenti".

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo