Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura e Spettacolo

VII Convegno: La Stregoneria nelle Alpi Occidentali

Oltre la Strega, Credenze, Tradizioni e Rituali..... Sala Valfrè”, in Via Accademia delle Scienze, 11 a Torino

31 Maggio
12:00 2019

Il Centro Studi e Ricerche sulla Stregoneria in Piemonte, in collaborazione con YUME Edizioni, organizza il VII Convegno dal titolo: La Stregoneria nelle Alpi Occidentali.

La conferenza in programma analizzerà anche la visione della strega come donna potenzialmente affetta da forme di alterazione psicopatologiche, nonché i misteriosi aspetti delle antiche Tradizioni Iniziatiche, come la Massoneria, il Druidismo e l'Arte Magica. 

Ne parleremo sabato 01 Giugno presso la “Sala Valfrè”, in Via Accademia delle Scienze, 11 a Torino (di fronte al Museo Egizio).

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.


PROGRAMMA:


1 SESSIONE dalle ore 10:00
Giancarlo Guerreri (Biologo): La Massoneria oggi: la Tradizione dei Simboli e dei Rituali
Fabrizio Diciotti (Gruppo Archeologico Torinese): Superstizione e pratiche mediche in Italia
Fabrizio Manticelli (Architetto): Magia e Telestica
Massimo Centini (Antropologo): Il diavolo come antidepressivo: visioni di ieri e di oggi
PAUSA


2 SESSIONE dalle ore 14:30 
Mirtha Toninato (Druid Priestess): I Principi del Druidismo, Spiritualità della Terra e degli Antenati
Claudio Marucchi (Filosofo): La rivoluzione ed il futuro della magia: l'eredità di Aleister Crowley
Federico Bottigliengo (Egittologo): Il contatto con l'altra dimensione tra necromanzia, spiritismo e channelling
Gabriella Biglia (Farmacista): Nel calderone della strega: magiche erbe per insolite ricette



PRESENTAZIONE
Oggi la stregoneria esiste ancora? Rispondere a questa domanda è molto facile e nello stesso tempo difficilissimo. Per sgomberare il campo da errate interpretazioni e luoghi comuni, chiariamo subito un fatto fondamentale: oggi esiste tutta una serie di pratiche ed esperienze magiche, esoteriche e religiose che, negli anni della caccia alle streghe, sarebbe certamente stata interpretata come culto del diavolo.

Effettivamente ancora oggi, come in passato, anche se con il coinvolgimento di mezzi e strumenti più evoluti, magia ed esoterismo, aggregati a molteplici esperienze che a modo loro anelano ad una crescita spirituale, continuano ad occupare una posizione rilevante nella cultura contemporanea. Un grande passo avanti è stato fatto verso la libertà di pensiero ed ecco che molte delle nostre credenze, tradizioni o rituali oggi vanno oltre la strega, guadagnando nuovi porti, un tempo inesplorati o negati a priori.

La Settima Edizione del Convegno “La Stregoneria nelle Alpi Occidentali” presenta una serie di relatori tutti impegnati nello studio e pratica di attività che “ai tempi delle streghe” sarebbero stati causa di persecuzione e condanna al rogo. Il filo conduttore infatti è il concetto astratto che veniva rinchiuso nella figura della strega e con essa demonizzato: tutto ciò che esce fuori dalla corretta via della dottrina cattolica è eresia pertanto da eliminare. Eresia diventano le pratiche rituali propiziatorie per ottenere abbondanza nel raccolto, l’utilizzo di erbe e piante per ottenere medicamenti, l’accendere tre candele perché la nonna faceva così la sera in ricordo dei defunti…

Le immagini sono state tratte dal Web.

 

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo