Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Internazionale

Angela Merkel irritata da Emmanuel Macron per le nomine Ue; rapporti al minimo storico tra Francia e Germania.

22 Giugno
09:00 2019

Angela Merkel non ha gradito come si è risolto l'incontro per le nomine europee. In particolare la cancelliera tedesca è molto irritata dal comportamento di Emmanuel Macron.

 

Tra i due i rapporti sono al minimo storico delle relazioni, da sempre forti, tra Francia e Germania. La Merkel - raccontano fonti del Ppe - ha evitato fino all'ultimo di incontrare faccia a faccia il presidente francese. Lo ha dovuto fare però giovedì 20 giugno con Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, presente per un incontro a tre.

 

Non solo, sembrerebbe che la cancelliera non abbia gradito la scelta dell'amico di fare il suo nome nella lista dei papabili alla presidenza della Commissione o del Consiglio. Lo ha detto esplicitamente in conferenza stampa: "Non sono interessata a una carica europea e tutti dovrebbero tenere in conto le mie parole".

 

E chi le chiede dei rapporti con Macron, risponde: "Ci rispettiamo. La Germania non farà scelte contro la Francia, confido che la Francia non ne farà contro la Germania".

 

Intanto la decisione sui nomi è rinviata a un nuovo vertice straordinario previsto per il 30 giugno. Per ora il Consiglio europeo si chiude con un fallimento, utile a eliminare i nomi che per un mese hanno bloccato ogni discussione sulla presidenza della Commissione europea, la carica più delicata da cui discende il resto come la presidenza del Consiglio Ue, l'Alto rappresentante per la politica estera e la Bce.

 

A perdere la possibilità sono stati il capolista Manfred Weber del Ppe, il socialista Frans Timmermans, la liberale Marghrete Vestager, Michel Barnier e la stessa Merkel. Si torna, dunque, alla stessa situazione di 5 anni fa e si pesca tra personalità di minore spessore. 

 

Liberoquotidiano.it

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo