Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Nazionale

Taranto - Concluso un Due Mari WineFest da sogno

Tre giorni di festa, conditi da ottimo vino, escursioni in barca, cene in nave, arte, musica e masterclass

27 Giugno
13:00 2019

Cos’è un vino? Il vino è così, questa è la sua speciale magia: ti permette allo stesso tempo di viaggiare indietro negli anni e di sognare il futuro prossimo in un continuum che è vita, esperienza ed emozioni.

 

Ti permette di esplorare il mondo e di portare per il mondo grande la tua terra, di raccontare a genti lontane la bellezza di questa  terra . Genti lontane che poi, unite dal vino, si scoprono molto più vicine di quanto pensassero.

 

Genti che intorno ad un tavolo, davanti ad una bottiglia, con un calice in mano, non sono più genti, ma amici. Immaginate allora cosa possono essere tanti vini di 45 cantine diverse.

Cos’è un castello? Fare castelli in aria, si dice per suggerire l’atto del fantasticare. Un atto coraggioso quello di sognare che ci vede immaginare di realizzare magari il sogno di una vita, l’abbattimento dei mali della società, una città che rinasce, che anima il coraggio, volesse il cielo, in un progetto frutto della nostra ardita mente tanto da essere emozionante e carico della più profonda energia.

Castello è una figura emblematica per modi di dire e sogni, quindi, ma anche luoghi delle fiabe con principi e principesse, prigionieri della torre più alta. Oppure  che suggerisce il fascino di immagini quali il ballo e le feste di gran classe, gli uomini e le donne ben vestiti,  casati dall’alto titolo nobiliare, mura fortificate contro l’assalto di ribelli e popoli nemici, prodezze e combattimenti.

Castello è il  fascino di un intrigo di storie tra le sue mura, porte chiuse e misteriose, cunicoli sotterranei, segrete, medaglie, manoscritti, biblioteche, storia, cultura…Un vero mondo è in un solo castello, nell’odore e nella struttura, così impregnato di antico.

Nel nostro caso si tratta del Castello Aragonese di Taranto, luogo che per il suo fascino ben si presta ad un percorso, a delle scoperte, a immaginare misteriosamente, chi lì vi abbia messo piede o chi vi sia passato per mare, visto che la sua banchina è stata aperta al pubblico per la prima volta.

Cos’è un mare ? Se mai qualcuno dovesse chiedermelo, avrei un minimo di difficoltà ed esitazione a rispondergli con fermezza e decisione. Potrei indicarlo, ma sarebbe un po’ riduttivo o potrei dire che è tutta l’acqua salata che inizia a partire dalla spiaggia o dalla costa della terra ferma, o in questo caso dalla banchina del Castello Aragonese.

E visto che è una distesa di acqua in continuo movimento, va e viene, dove va a finire? Praticamente dove vuoi tu o meglio fin dove puoi arrivare, fin dove vuoi osare, perché lambisce e quindi unisce le coste di isole, piccole come quella in cui è posto il Castello Aragonese ma anche di grandi terre continentali.

Il mare dove tutto ha avuto origine continua ad essere  una risorsa fondamentale per l’economia, senza limiti, immaginate anche una banchina che ha ospitato le aziende vitivinicole, che potenzialmente potrebbe essere  un approdo di visitatori provenienti dal mare.

Sin dall’inizio dei tempi, gli uomini hanno compreso l’importanza dell’acqua come fonte di vita e di commercio e hanno fondato le prime civiltà vicino al mare, in quanto fonte di sostentamento e di collegamento tra i vari popoli.

Ebbene, pensate a queste tre cose messe assieme, Vino, Castello e Mare…..quante emozioni positive hanno potuto infondere !  Tutto questo è stato il sogno concreto del “Due Mari WineFest”, per i tanti visitatori che vi hanno messo piede. L’ormai nazionale evento enogastronomico  della città di Taranto, nella sua V° Edizione che si è concluso da poco.

 

“Un sogno ad occhi aperti – hanno commentato gli organizzatori, Stefania Ressa, Fabio e Andrea Romandini – che ha consentito ai tarantini e a chi è venuto da altre città della Puglia e da altre regioni, di ammirare Taranto da una prospettiva nuova, diversa.

 

Sviluppare l'evento sulla banchina è stata un'operazione resa possibile grazie alla lungimiranza dell'Ammiraglio Vitiello, che ci sostiene dalla prima volta in cui abbiamo messo piede nel Castello e che dimostra quanto sia rivoluzionaria la sua idea di sviluppo della città.”

 

Tre giorni di festa, conditi da ottimo vino, escursioni in barca, cene in nave, arte, musica e masterclass, che ha lasciato a bocca aperta quanti hanno messo piede, tra venerdì 21 giugno e domenica 23 giugno, nel Castello Aragonese di Taranto. Ad impreziosire questa edizione, diventata un punto di riferimento per gli amanti del vino, è stata certamente la passeggiata sulla banchina.

 

Ed ecco cosa è stato nei numeri. Due cene sulla nave Calajunco gestite da Paolo Miola (già direttore di Masseria Savoia Resort) e una con lo chef Gianvito Matarrese nella Galleria Meridionale del castello, escursioni sui catamarani della Jonian Dolphin Conservation e 5 masterclass ideate dalla sommelier AIS Anna Maria Intermite, tutti eventi collaterali sold-out. 45 cantine provenienti dalla Puglia e dall'Italia e 8 operatori agroalimentari.

 

Una degustazione verticale con “Il Falcone di Cantine Rivera” condotta dal carismatico Filippo Bartolotta, colui che ha fatto degustare i vini italiani ai coniugi Obama e ospite speciale di questo Due Mari WineFest. Un aperitivo in mezzo al mare con il grapetrotter fiorentino che, tra un sorso di Le Pozzelle (Candido Vini) e l'altro, ed un pezzo di formaggio Don Carlo, ha raccontato il suo libro “Di che vino sei?” (evento collaterale in collaborazione con Librerie Mandese).

 

Questo e tanto altro è stato il Due Mari WineFest che, anche nella V° Edizione, ha rimarcato l'importanza della cultura, nelle sue molteplici forme, che ha coinvolto tutti i sensi. Ricordiamo a tal proposito il talento di Arianna Greco, pioniera dell'arte enoica che ha dipinto i suoi quadri in banchina di fronte al mare, intingendo il pennello in bicchieri di vino.

 

E la musica che ha arricchito ancora di più l’evento, con la direzione artistica di Antonio Oliveti : Anèt – Il duo Battipiano - Vikipedia – Ilaria Fuggetti Duo Jazz – Grace Maremonti – Papillon De Nuit – Radio Funk – Le tre corde – Giropuntina – Il Ballo del Mattoni.

 

Tornando al vino, special guest delle tre serate, protagonisti, ancora una volta, sono stati il “Florence Wine Event”con la sua delegazione di cantine toscane e il “Wine Show di Todi” con le aziende vitivinicole umbre. Segno, questo, di quanto il Due Mari WineFest guardi oltre i confini locali per proporre un'offerta ampia, capace di incuriosire e attirare chi vuole sperimentare e conoscere non solo le eccellenze pugliesi. Nell'evento hanno trovato spazio non solo le delegazioni umbre e toscane, ma anche cantine venete, friulane, campane, emiliane; erano presenti ben 45 cantine.

 

Sul palco del Due Mari WineFest,  allestito nella Piazza D'Armi del castello, sono stati inoltre annunciati i vincitori del Premio Due Mari Winefest 2019 per le categorie: miglior rosso, bianco e rosato. Per la categoria bianchi al 1° posto “12 e mezzo di Varvaglione, al 2° posto “Cré di Vetrère al 3° posto “Serra Petr'alba” di Cantine San Pancrazio. Per la categoria rosati al 1° posto “Taranta di Vetrère, al 2° posto “Rosato di Negramaro” di Tenute Tocci, al 3° posto “Rosato di Negramaro” di Tenute Motolese. Infine per la categoria rossi, al 1° posto “Carus” di Tenute Tocci, al 2° posto “Imperio” di Cantine Tinazzi, al 3° posto “Campo Appio” di Cantine San Pancrazio.

 

Non sono mancati i momenti di confronto con il dibattito moderato da Serena Di Matteo, che ha visto protagonista l'Associazione Le donne del Vino con la delegata Puglia Marianna Cardone e l'on.Ylenja Lucaselli, Global Advisor per la Southern Glazer's Wine&Spiritis, la più grossa compagnia di distribuzione di vini in America.

 

E se per il pubblico l'evento è terminato il 23 giugno, per gli operatori di settore è proseguito  lunedì 24 giugno con il B2B Day, con un dibattito nella Sala Celestino V del Castello Aragonese sull'importanza dell'enoturismo in Puglia e ha visto la partecipazione di Luca Lazzàro (Presidente Confasgricoltura Puglia), Giuseppe Spadafino (Vicepresidente Confcommercio Taranto), Mauro Di Maggio (Presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria), Anna Gennari (Pr e Hospitality Manager di “Produttori Vini Manduria”), Davide Gangi (Presidente Vinoway Italia) e Annalisa Menolascina (Wine Blogger per PugliaWine).

 

A seguire, buyer e ristoratori hanno incontrato le aziende presenti. La giornata è terminata con un aperitivo offerto dall'organizzazione del Due Mari WineFest sulla paranza di Gente di Mare.

 

Le foto sono opera di Paola Ressa e Martina Melchionno.

 

Le aziende partecipanti (regioni in ordine alfabetico) :

 

VINI – CAMPANIA

Caputalbus

VINI – EMILIA ROMAGNA

Podere Giardino

VINI – FRIULI VENEZIA GIULIA

Piera Martellozzo

SPIRITS – PIEMONTE

Gamondi

VINI – PUGLIA

Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria, San Marzano, Feudo Croce – Cantine San Giorgio (Gruppo Tinazzi), Cantine Dalena, Tenute Tocci, Masseria Croce Piccola, Tenute Girolamo, Cantine Amastuola, Tenute Motolese, Tormaresca, Varvaglione, Vinerie Palmieri, Rivera, Coppi, Vetrère, Pruvas, Masseria Cicella, Enoteca Crudò, De Quarto, Vinapulia, Tenuta Patruno Perniola, Cantina Sava, Grifo, Cantine Paolo Leo, Trullo di Pezza, Cantine Spelonga, Terre carsiche 1939,  Cantine San Pancrazio, Leone De Castris, Candido, Cantine Tre Pini, Conte Spagnoletti Zeuli, Erminio Campa

VINI – TOSCANA (DELEGAZIONE FLORENCE WINE EVENT)

Consorzio Chianti Colli Fiorentini,Castelli del Grevepesa,Fattoria di Piazzano,Sparla & Gerardi

VINI – UMBRIA (DELEGAZIONE WINE SHOW TODI)

Podere Acquaccina,Cantina Todini,Tenuta ColFalco,Cantina Tudernum

VINI – VENETO

Ongaresca, Capassion

OLIO – PUGLIA

L'Acropoli di Puglia

BIRRE ARTIGIANALI – PUGLIA

Birrificio Leonida, Birrificio Federico II

AZIENDE AGROALIMENTARI – PUGLIA

InMasseria – Formaggio Don Carlo, Rosina La Massaia Salentina, Bar Veneto, Caseificio Milano, Macelleria Palmisano, Pasticceria Aiello, L'angolo dei sapori, Ristorante Tomà, Zio Pasquale, Associazione Panificatori Taranto

MAIN SPONSOR

Armata di Mare – Taranto, Medical Center, La Maisonette Gioielleria, Automondo srl, Copyright, Nuovarredo, Derado, Fiitalia, Nunnari Grafiche

REGULAR SPONSOR

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo