Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca

Una Legge per gli Ufficiali di Complemento

La Promozione a Titolo Onorifico è a costo zero per lo Stato

17 Luglio
10:15 2019

La figura dell’Ufficiale di Complemento è oggi dimenticata, anche a causa della sospensione del servizio militare di leva nel 2005 che  ha eliminato i corsi AUC dove si sono formati migliaia di giovani: volontari  che scelsero di assolvere il proprio dovere verso la Patria con i gradi di Sottotenente, anche se questo costava maggiori oneri e una ferma più lunga di quella di leva.

Questa categoria di ufficiali fu istituita  nel 1876 con la Legge Ricotti; all’interno  dell’Esercito essi svolsero una funzione essenziale di coesione nazionale e militare perché animati da forti motivazioni e perché erano più vicini e solidali con i militari di truppa. Di estrazione borghese e colta gli ufficiali di Complemento, normalmente laureati o laureandi rappresentavano i giovani più preparati culturalmente e fisicamente tra quelli chiamati alle armi.

Il loro contributo si rivelò decisivo soprattutto nella prima e seconda guerra mondiale. Ne sono la prova il grandissimo numero di ricompense al Valor Militare molte delle quali alla Memoria.

Per anni sono state scritte e dette tante cose, molto spesso sbagliate sui rapporti tra gli Ufficiali in servizio permanente e quelli di complemento. Chi ha avuto il privilegio di comandare un reparto a qualsiasi livello può testimoniare che tutto questo non è vero, al contrario l’Ufficiale di Complemento ha rappresentato per circa centotrenta anni una preziosa risorsa per le Forze Armate Italiane.

Questa particolare figura  così importante merita quindi rispetto e maggiore attenzione  da parte dell’opinione pubblica e dalla politica, specialmente sulla annosa questione della promozione a titolo onorifico richiesta  da molti anni dagli ufficiali  di complemento in congedo. Da notare che la richiesta non comporta oneri finanziari per lo Stato.

Fonte Unuci

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo