Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura e Spettacolo

Torino WEB TV un'eccellenza tutta torinese

Il fascino della diretta… Torino Web TV Immediatezza, agilità, cultura e umorismo: una Rete WEB ricca di grandi sorprese

22 Luglio
12:30 2019

La filosofia e i programmi di una televisione trasmessa dal WEB che sta diffondendo un nuovo modo di fare Cultura.

Il 16 Luglio scorso presso gli studi di Torino, il giornalista Roberto Goitre e gli attori Anna Cuculo e Roberto Briatta hanno presentato il nuovo palinsesto di TWT.

Una forte dinamicità ha sempre caratterizzato i programmi di questa singolare Web TV. Dinamicità unita alle grandi capacità personali dei presentatori che “inventano” letteralmente occasioni di dialogo trattando argomenti di singolare interesse culturale.

Anna Cuculo, attrice, regista, scrittrice, e ballerina di danza classica, è solita intrattenere i propri ospiti in un programma che ha già riscontrato grandi ascolti durante le precedenti puntate: Sparati Alfredo!

Nel salotto di Anna sono state, e saranno ospitate, note personalità di vari ambienti culturali di Torino, e non solo. Gli argomenti trattati, che verranno riproposti anche dopo l’estate e nel palinsesto del 2020, tratteranno i temi delle rappresentazioni teatrali, delle nuove proposte artistiche, nonché di sport e culinaria. Una particolare evidenza verrà offerta dagli argomenti che riguardano la cosiddetta “Torino esoterica”, dove verranno presentati scrittori di saggi e romanzi che tratteranno i temi del Mistero e dell’Esoterismo.

La Regista e Attrice Anna Cuculo, immagine tratta dal WEB.

Torino sta sicuramente evolvendo, se pur con grandi difficoltà, verso una maturazione spirituale di evidente spessore, si stanno creando “salotti culturali” orientati allo studio e all’approfondimento di argomenti di grande valore.

Torino sembra essere una culla di idee e di progetti che per l’inconsapevole distrazione dei propri amministratori vengono regolarmente persi per strada o regalati ad altre realtà urbane. Gli esempi non mancano… ovviamente, manca invece la capacità di arginare questa inconcepibile fuga di opportunità, che al pari di quella dei cervelli, finisce per impoverire la nostra Città.

Una Televisione che trasmetta  programmi di livello sul Web e che consenta al pubblico di intervenire in tempo reale durante la puntata, oltre a consistenti contenuti culturali, offre anche la possibilità di una attiva partecipazione “dal Vivo”.

Il secondo interlocutore di Roberto Goitre è stato l’attore di teatro Roberto Briatta. Già co-titolare di una nota libreria specializzata in argomenti ermetici, astrologici ed esoterici in senso lato, gestisce una rubrica dedicata ai libri e alla lettura: “Scemo che legge”.

Grazie alla sua grande cultura e indubbia capacità istrionica, Roberto, riesce sempre a mettere a proprio agio l’ospite di turno, consentendogli di gestire uno spazio virtuale dedicato agli approfondimenti di temi metafisici e non solo.

"La notte è per i gatti", trasmissione condotta da Roberto Briatta (Libraio, Regista e Attore) Programma quindicinale dove vengono affrontati argomenti sulla Torino Magica, esoterismo con un viaggio nel mondo del mistero, dall'Astrologia alla Filosofia orientale.

Il Titolare di TWT, l’editore Sergio Sapino, è stato l’ideatore della rete televisiva. Sergio Sapino mosso dalla passione per i new media e per le nuove tecnologie si è avvalso della sua quarantennale esperienza nel settore televisivo dando vita ad un nuovo modello di Tv 3.0, nel tentativo di promuovere un progresso nel campo della comunicazione, dell’informazione, dell’editoria e della televisione.

Il progetto è autofinanziato dalla Videodigitalpixel dello stesso Editore Sergio Sapino e per crescere ha bisogno del supporto di quanti, credono che il ruolo della comunicazione sia un tassello fondamentale per la crescita della nostra società e che sia doveroso portare il nostro piccolo contributo al miglioramento del sistema in cui viviamo.

"La Maria"  immagine tratta dal WEB

Programma condotto da Antonio Cranco (attore) dove, in chiave ironica, si raccontano storie di vita, di passioni e attività curiose o socialmente utili,

"Il Cassetto dell Gnomo", primo programma televisivo in Italia totalmente condotto e gestito da ragazzi con la sindrome di Asperger. Tratta prevalentemente argomenti associati all'autismo, con ospiti in studio. Il programma è quindicinale.

"Poltronissima con Luca & Max", Programma ideato e condotto da Luca Graziani e Massimiliano Rapetti (Presentatori e Spiker radiofonici), programma di promozione teatrale a livello nazionale con ospiti in studio, dirette telefoniche e interviste ad attori e artisti.

Le potenzialità dello strumento di comunicazione via WEB, in grado di raggiungere tutti coloro che possiedano un PC collegato a Internet, sono davvero illimitate. Forse neppure una buona dose d’immaginazione potrebbe prevedere le reali potenzialità di un mezzo in grado di trasmettere in diretta in tutto il Globo, programmi televisivi con i quali si possa interagire direttamente, senza filtri e senza censure.

Lo Staff dei collaboratori di Sergio Sapino rappresenta la punta di diamante di un’organizzazione che fa cultura, che trasmette cultura e che diffonde cultura, realizzando approfondimenti che andranno a far emergere grandi e soprattutto piccole realtà, autentiche gemme poco note di questa nostra amata Torino.

Il Programma che è stato presentato il 16 luglio 2019 viene così sintetizzato:

 

SPARATI ALFREDO, con Anna Cuculo

SCEMO CHI LEGGE e LA NOTTE PER I GATTI, con Roberto Briatta

GLI AMICI DELLA MARIA, con Maria

IL CASSETTO DELLO GNOMO, gestito dai ragazzi con la Sindrome di Asperger

POLTRONISSIMA CON LUCA E MAX, con Luca Graziani e Massimiliano Rapetti

Per intervenire in diretta comporre il numero: 375 551 7625

E’ presente anche una pagina FB.

I riferimenti per accedere al WEB.

www.torinowebtv.it 

www.torinowebtv.it/speciali-twt/

www.facebook.com/torinowebtv/

 

Tutte le immagini sono state concesse da TWT.

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo