Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

Parma – Al Complesso Monumentale la Pilotta uno straordinario capolavoro e misterioso dipinto di Leonardo da Vinci

La tavoletta in mostra con altri capolavori di eccezionale maestri

26 Luglio
09:00 2019

Per celebrare  i Cinquecento anni  della  scomparsa di Leonardo da Vinci vengono realizzate iniziative un po’ ovunque, la mostra al Complesso Monumentale della Pilotta:”La fortuna della Scapigliata di Leonardo da Vinci”, è una delle più importanti, che non devono mancare per completare la conoscenza del grande Maestro.

Il tutto viene curato da Pietro C. Marani (Professare del Politecnico di Milano) e da Simone Verde ( Direttore del Complesso Monumentale  della Pilotta)  è visitabile fino al 12 agosto 2019. Il progetto viene organizzata dal Complesso Monumentale della Pilotta e Fondazione Cariparma, è accompagnata da un catalogo edito da  Nomos Edizioni (pp.173 riccamente documentato fotograficamente €24,90).  

L’esposizione, strutturata in quattro sezioni, ruota attorno alla tavoletta della Scapigliata, per l’occasione sono richiamati  quattro capolavori ben noti dell’artista che il pubblico potrà ammirare assieme ad altri capolavori di Gherardo Starnina, Bernardino Luini, Tintoretto, Hans  Holbein, si pone anche l’obbiettivo di raccontare, analizzare confrontare la tavola parmense con altri capolavori del grande maestro del Rinascimento italiano. Per l’evento sono esposti due capolavori che arrivano dalle Collezioni della Royal Library di Windsor e un altro dalle raccolte del Castello Sforzesco di Milano.

 Ma chi è:“La scapigliata o testa di fanciulla”?  La tavola  venne dipinta probabilmente nell’ultimo decennio del Quattrocento è una delle opere più misteriose di Leonardo. Di chi sia quel volto dipinto quel volto, non è dato da sapere. C’è chi pensa si tratta di una Madonna, chi la riconduce a uno studio per Leda col cigno. Un opera che per quanto piccola di dimensioni, riassume  tutta la vastità delle innovazioni e degli interrogativi suscitati da Leonardo. Resta comunque la bellezza di una giovane dai lineamenti dolcissimi, con le palpebre socchiuse e le labbra morbide atteggiate a un lieve sorriso, la vibrante capigliatura scomposta in riccioli.

Nella prima sezione incontriamo alcune antichità e i primi passi di una ricerca pittorica rinascimentale. Proseguendo, i curatori nella seconda sezione ci presentano  alcuni dipinti e disegni originali di Leonardo o di ambito fiorentino, precedenti o contemporanei all’artista, in cui viene trattato il tema dei capelli scomposti, come fiamme ondeggianti nell’aria a causa del vento, tra cui la celebre Leda degli Uffizi. A fianco di queste, sono presenti capolavori di derivazioni del tema leonardesco come opere di Giovanni Agostino da Lodi e Bernardino Luini, quest’ ultimo anche per documentare la precoce fortuna critica di questo soggetto iconografico.

Nella terza sezione viene proposto un excursus sul pittore e scultore  Gaetano Calliani collezionista e artista che nella sua collezione accolse “la Scapigliata” di Leonardo.

Il testo che accompagna la mostra ripercorre la storia di questo meraviglioso lavoro del maestro toscano, partendo dall’ipotesi che la tavoletta sia appartenuta a Isabella d’Este. L’opera rimase poi a Mantova anche dopo la vendita della collezione Gonzaga a Carlo I Stuart. Negli anni tra il 1773 3 il 1778 durante il soggiorno milanese dell’artista Gaetano Calliani la “Scapigliata” sia confluita nella sua collezione. Per questa occasione la scapigliata è stata sottoposta a ulteriori indagini scientifiche a florescenza a Raggi UV e a luce radente, al fine di rilevare la tecnica pittorica e i pigmenti utilizzati dall’artista nelle varie fasi di esecuzione dell’opera. Le interessantissime risultanze di queste indagini sono rese pubbliche dal catalogo.

Oggi la critica accoglie unanimemente l’attribuzione a Leonardo, riconosciuta come autografa dai maggiori specialisti e dalle recenti mostre avvenute  su Leonardo da Vinci, in Italia e nel mondo. Iniziativa importante a carattere internazionale che prepara al grande appuntamento  del prossimo anno quando  la città di Parma  sarà Capitale della Cultura Italiana.

Foto copertina Leonardo da Vinci “La scapigliata” 1508 circa; terra ombra, ambra inverdita e biacca su tavola di pioppo, 21x24,7; Parma Galleria Nazionale - Foto di Lorenzo Moreni

Foto 1 Leonardo da Vinci “Testa di Leda”, Castello Sforzesco di Milano 1510 ca.

Foto 2”Mario Calliani”Ritratto del padre Gaetano Galliani”, olio su tela, 49x40 cm Galleria Nazionale di Parma

Foto 3 Leonardo da Vinci “Testa di Leda” circa 1505-06 Royal Library

Foto 4 Copertina libro catalogo

La fortuna della Scapigliata” fino al 12 agosto 2019. Orari da Martedì a Sabato 10.00-18.00 Domenica 13.00-19.00. Lunedì chiuso. Tel. + 39 0521.233617

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo