Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Locale

Regione Piemonte. Più voce al Territorio

A Palazzo Lascaris prosegue il dibattito sull'Autonomia differenziata

29 Luglio
08:30 2019

Per quanto concerne l'attuale dibattito sulle richieste di maggiore Autonomia da attribuirsi alle Regioni, pubblichiamo qui di seguito un Comunicato Stampa a firma di Andrea Cane, Consigliere della Lega in Piemonte. In esso si delinea l'iter tracciato la settimana scorsa all'ombra della Mole: l'obiettivo del nuovo governo regionale è quello di garantire al Territorio maggiore possibilità di esprimersi, nel rispetto di quanto previsto in merito dalla Costituzione.

*********

"La scorsa settimana il processo di approvazione dell'Autonomia ha subito delle decisive spinte, a dispetto di ciò che dichiara la Sinistra quando parla in modo ingiustificato di lavori a rilento", dichiara il Consigliere Regionale Andrea Cane, che continua con queste parole "come condiviso infatti sia come Gruppo Regionale della Lega sia direttamente con il Presidente Alberto Cirio, sono già delineati i diversi passi consultivi e legislativi che porteranno al più presto il tema dell'Autonomia nell'aula del Consiglio Regionale, coinvolgendo proprio gli Enti Locali. A fronte di ciò, grazie anche al prezioso aiuto dell'Avvocato e collega Consigliere Regionale Riccardo Lanzo, come Coordinamento degli Enti Locali della Lega abbiamo provveduto la scorsa settimana a diffondere un ODG/Mozione che di fatto chiede l'approvazione dell'Autonomia con velocità, quale richiesta che arriva direttamente dai nostri Territori. La nuova Giunta Regionale ha infatti ufficialmente confermato la volontà di accelerare il processo dell’Autonomia del Piemonte così come avvenuto nelle Regioni Lombardia e Veneto dove i cittadini si sono espressi favorevolmente per un’Autonomia differenziata relativamente a 23 materie quali tutela della salute, il commercio estero, politiche del lavoro, istruzione, ricerca e innovazione: come ulteriore spinta direttamente dagli Enti Locali faremo quindi ribadire ancora una volta l'importanza che la Regione Piemonte, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione. In accordo con tutti i Consiglieri di Maggioranza e con il Presidente Cirio, ci siamo trovati d'accordo sull'assoluta priorità di velocizzare l'Autonomia quale anche attuazione del principio di sussidiarietà, con l’organico trasferimento delle funzioni amministrative ai Comuni, singoli o associati, alla Città Metropolitana e alle Province. L'ordine del giorno inviato agli Enti Locali della Lega Piemonte prevede per esempio anche l'importanza del coinvolgimento delle associazioni nazionali rappresentative, al fine di poter avere un protocollo per un’azione condivisa volta a riconoscere ai Comuni un ruolo strategico nel percorso di Autonomia". Chiude le dichiarazioni il Capogruppo, Presidente dei Consiglieri della Lega Alberto Preioni: "terminata la campagna elettorale con una grande vittoria, possiamo quindi rispondere alla Sinistra, protagonista negli scorsi anni di un immobilismo che aveva portato a una timida richiesta di discussione di solo alcune delle 23 materie oggetto di autonomia differenziata, che il Piemonte sta iniziando veramente a viaggiare a un'Altra Velocità e che non ha nessuna intenzione di fermarsi"!

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo